Usa, tossisce sangue a forma di un polmone: morto 36 enne | Notizie.it
Usa, tossisce sangue a forma di un polmone: morto 36 enne
Esteri

Usa, tossisce sangue a forma di un polmone: morto 36 enne

Usa, tossisce sangue a forma di un polmone: morto 36 enne

Con un colpo di tosse un 36 enne ha buttato fuori un grumo di sangue a forma di albero bronchiale: l'uomo è morto 7 giorni dopo.

Tossisce sangue coagulato a forma del suo polmone. Un 36 enne è stato ricoverato d’urgenza al Medical Center di San Francisco, nel reparto di terapia intensiva. Il paziente ha tossito un grumo di sangue coagulato a forma di albero bronchiale, tipico della parete interna dei polmoni. Una settimana dopo questo tremendo colpo di tosse il 36 enne è deceduto per scompenso cardiovascolare.

Sangue a forma di polmone

Un grumo di sangue a forma di polmone. La storia del paziente di 36 anni è stata analizzata all’interno del New England Journal of Medicine. Gli autori sono i chirurghi dell’Università della California che avevano in carico la saluto del paziente. Il quadro clinico presenta l’uomo come una persona che soffriva di seri problemi cardiovascolari, al punto da dovergli applicare un pacemaker.

Purtroppo per il paziente non c’è stato niente da fare. L’uomo, infatti, a una settimana dal colpo di tosse che ha portato alla fuoriuscita del sangue coagulato a forma di albero bronchiale, è morto per uno scompenso cardiaco.

Frazione di eiezione

Il sangue pompato era inferiore ai valori normali.

Il personale medico del Medical Center di San Francisco hanno scoperto che il paziente soffriva per una rara carenza di frazione di eiezione, cioè il termine in cui il sangue viene pompato a ogni contrazione. Quella del 36 enne deceduto era pari al 50% in meno rispetto alla norma. Lo scompenso cardiaco è stato per lui mortale. La violenza di quella tosse non aveva preoccupato più di tanto i medici, prima che le condizioni dell’uomo si aggravassero.

Motivo? La tosse, seppur violenta, non è in grado di causare danni particolarmente ingenti, a meno che non provochi nel malato delle gravi lacerazioni: queste ultime possono provocare perdite di sangue, ma anche, riferisce il sito Tpi, parti piccolissime degli organi interessati, come nel caso del grumo di sangue del 36 enne.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Andrea Danneo
Andrea Danneo 588 Articoli
Palermitano di nascita, milanese acquisito, ho iniziato a scrivere di Rugby e di Basket sul web. Dopo una bella esperienza in un sito di informazione locale, mi sono laureato in Lettere moderne a Milano e ho concluso la mia formazione alla scuola di Giornalismo dell'Università Cattolica. Lettore di libri incallito, inseguo il sogno di raccontare le piccole e grandi storie, sia in forma scritta, sia in video.