UK, l'ambulanza non arriva: bimbo morto per blocco intestinale
UK, l’ambulanza non arriva: bimbo morto per blocco intestinale
Esteri

UK, l’ambulanza non arriva: bimbo morto per blocco intestinale

Bimbo morto per blocco intestinale
Bimbo morto per blocco intestinale

Un bimbo di 6 anni è morto, nel Regno Unito, per le conseguenze di un blocco intestinale: i medici hanno rifiutato l'intervento per 3 volte.

Un bimbo di 6 anni, Sebastian Hibberd, è morto a Plymouth, nel Regno Unito, per le conseguenze di un blocco intestinale. Secondo quanto riportato dal britannico Mirror, la famiglia del bambino ha chiamato tre volte i soccorsi, chiedendo che l’ospedale inviasse un’ambulanza, viste le gravi condizioni di salute del piccolo. Da giorni, Sebastian aveva forti attacchi di diarrea e vomito. Ma per tre volte i medici hanno rifiutato l’intervento, classificando il malessere del bambino come non grave. Nel momento in cui i genitori hanno effettuato la quarta chiamata, il peggioramento di Sebastian è stato evidente e l’ambulanza è partita con codice rosso.

Bimbo morto, le indagini

I soccorritori, giunti sul posto, hanno immediatamente diagnosticato un blocco intestinale. Ma la diagnosi è giunta troppo tardi. Poco dopo il ricovero, il bimbo ha perso la vita. Le forze dell’ordine hanno aperto un’inchiesta per stabilire eventuali responsabilità dei soccorritori, che avrebbero potuto salvare il bambino tramite un intervento più celere.

Il padre del piccolo, Russell, ha dichiarato al Mirror di non aver avuto neppure la possibilità di parlare con i medici dell’ospedale dove il figlio è stato ricoverato, nonostante le promesse dello staff all’accettazione.

Ian Arrow, medico legale di Plymouth, Torbay e South Davon, ha dichiarato: “Ci sono state molte opportunità di salvargli la vita che sono andate perse. È assai probabile che, se le sue condizioni fossero state correttamente diagnosticate alle ore 8.44, Sebastian poteva essere salvato. Quando, alle 13.54, i medici hanno riconosciuto la gravità della situazione, un salvataggio era meno probabile”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 1443 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.