Omicidio a sfondo razziale in Sudafrica: morta coppia di fidanzati
Esteri

Omicidio a sfondo razziale in Sudafrica: morta coppia di fidanzati

coppia-fidanzati

Secondo la testimonianza di due amici della coppia i tre assassini si sarebbero avvicinati all'auto pronunciando frasi razziste verso i bianchi.

Tragedia in Sudafrica dove una coppia di fidanzati è stata brutalmente uccisa mentre erano in panne con la loro auto nei pressi di Johannesburg. I ragazzi, Johanco Fleischman di 19 anni, e la fidanzata Jessica Kuhn di 23, erano infatti fermi su un ponte autostradale mentre aspettavano che un loro amico gli portasse una tanica di benzina, quando sono stati avvicinati da tre persone che gli hanno sparato contro diversi colpi di pistola.

La dinamica del delitto

Secondo la testimonianza di due amici della coppia, miracolosamente scampati alla carneficina ma picchiati dagli assassini, i tre uomini si sarebbero avvicinati all’auto pronunciando frasi razziste nei confronti dei bianchi: “Ci hanno superato, poi hanno fatto retromarcia e dopo aver provocato con insulti razzisti Johanco hanno aperto il fuoco contro di lui. Poi si sono avvicinati all’auto e con un colpo alla testa hanno sparato a Jessica. Infine hanno preso il suo cellulare e ci hanno picchiato”.

Uno dei tre uomini avrebbe infatti estratto una pistola sparando almeno 9 proiettili addosso a Johanco, freddando in seguito Jessica con un colpo a bruciapelo.

Per cercare di nascondere eventuali prove, i tre hanno successivamente dato fuoco all’auto dei ragazzi. Le fiamme sono state poi spente da un automobilista di passaggio che ha subito chiamato i soccorsi.

Le parole del commissario di polizia

Malgrado i soccorsi siano arrivati immediatamente, per i due giovani non c’è stato nulla da fare. Interrogato sulla vicenda, il commissario di polizia della città di Gauteng, Elias Mawela, ha affermato di aver messo in piedi una squadra investigativa al fine di rintracciare i tre assassini. Sempre Mawela ha in seguito dichiarato: “Faremo il possibile per prenderli e assicurarli alla giustizia. Sono armati e pericolosi”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Jacopo Bongini
Nato a Milano, classe 1993, frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera dove si laurea in "Nuove Tecnologie dell’Arte". Parallelamente all'ambito artistico, nel quale partecipa a diverse mostre del settore come admin della pagina Facebook Karbopapero 900, durante gli anni universitari sviluppa la passione per il mondo dell’informazione e della comunicazione. Passione che lo porta a diventare collaboratore dapprima per Il Giornale e in seguito per Notizie.it.