Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Fa cadere un drink, picchiato brutalmente durante una festa
Esteri

Fa cadere un drink, picchiato brutalmente durante una festa

bulli inglesi

Picchiato brutalmente per aver fatto cadere un drink sul pavimento durante una festa in casa.I tre aggressori inglesi sono stati arrestati.

Non c’è condanna più meritata di quella che riguarda i tre ragazzini anglosassoni recentemente arrestati per essersi scagliati (brutalmente) contro un loro compagno. Il ragazzo torturato d’altro canto non aveva colpe se non quella di aver rovesciato il drink di uno di loro per terra, sul pavimento. E’ successo in un appartamento a Highgate, West Midlands, durante una festicciola organizzata proprio dal primo dei tre aggressori, tutti e tre maggiorenni rispetto al ragazzo vittima di bullismo che ha solo 15 anni.

Il drink della rabbia

Kyle Ashton, 19 anni. E’ lui il padrone di casa che aveva chiesto al 15enne di prendergli da bere. Il ragazzo non poteva certo aspettarsi che far cadere un drink sul pavimento potesse renderlo vittima di un pestaggio così terribilmente gratuito. L’aggressore, condannato a 8 anni di carcere, avrebbe ordinato al ragazzino di leccare l’alcol riversato sul pavimento. Il rifiuto della vittima ha scatenato una reazione tanto cruda quanto inaspettata.

E supportata dai due gemelli 18enni Christopher Pyatt-Pierce e sua sorella -quest’ultima si è preoccupata di filmare tutta la violenza. I due sono stati condannati rispettivamente a 2 e a 4 anni di carcere.

Il ragazzo è stato barricato in casa: non ha purtroppo avuto scampo. Sigarette spente in faccia come fosse un posacenere, genitali bruciati e una serie di ferite riportate su alcune parti del corpo. La vittima ha dovuto subire tali torture senza poter rifiutare. I tre hanno continuato il pestaggio e le violenza fino a quando non hanno ritenuto che potesse bastare.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche