Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Essex, rara infezione causata dallo streptococco uccide 12 persone
Esteri

Essex, rara infezione causata dallo streptococco uccide 12 persone

ambulanza

Una rara infezione batterica ha causato la morte di 12 persone in Essex: i medici stanno monitorando la situazione.

In Essex dodici persone sono morte in un focolaio di una rara infezione batterica. Il gruppo di intervento clinico del NHS Mid Essex ha detto che ci sono stati 32 casi di malattia, chiamata infezione da streptococco A invasiva (iGAS). La notizia è stata riportata su metro.co.uk.

L’ermergenza in Essex

Public Health England ha detto che si è trattato di un “incidente locale”, tuttavia ha avvertito che potrebbe esserci alto rischio di ulteriori morti a causa del focolaio in corso. L’epidemia è iniziata a Braintree e da allora si è diffusa nelle zone di Chelmsford e Maldon. I batteri che causano l’infezione generalmente si trovano nella gola e nella pelle e le persone possono portarli senza mostrare alcun sintomo. Si diffondono facilmente attraverso starnuti, baci e contatto con la pelle.In un report una commissione sanitaria ha affermato che la malattia diventa pericolosa per la vita quando i batteri penetrano in altre del corpo, come il sangue, i muscoli o i polmoni.

Inoltre secondo i medici “la maggior parte dei pazienti colpiti sono anziani e hanno ricevuto cure per ferite croniche, nella comunità, nelle loro case e in alcune case di cura”. È stato istituito un team di gestione degli incidenti al fine di controllare la situazione. Rachel Hearn, direttrice dell’assistenza infermieristica e di qualità del gruppo clinico di Mid Essex, ha dichiarato: “I nostri pensieri sono rivolti alle famiglie dei pazienti che sono morti”. Il servizio sanitario nazionale in Essex sta collaborando con la Public Health England e altri partner per gestire al meglio l’epidemia locale e sono state messe in atto delle misure apposite per evitare che l’infezione si diffonda ulteriormente.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche