Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Iran, navi tentano il blocco di una nave petrolifera britannica
Esteri

Iran, navi tentano il blocco di una nave petrolifera britannica

Il governo britannico: "Tre navi iraniane, hanno tentato di ostacolare il passaggio di una nostra nave commerciale".

Alcune navi armate iraniane hanno tentato di bloccare il passaggio ad una petroliera britannica. Fortunatamente sono state bloccate in tempo da una fregata della Royal Navy che era lì per scortarla. Gli iraniani avrebbero ordinato alla British Heritage, che stava entrando nell’area dello stretto di Hormuz, di invertire rotta e di entrare nelle vicine acque a Teheran.

La versioni discordanti

A seguito del tentato blocco della petroliera britannica nel Golfo Persico si sono espressi, prima il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif che ha affermato che nulla di quanto dichiarato ha valore: “il Regno Unito vuole creare tensione, queste affermazioni non hanno valore”. A sostegno della sua tesi anche l’agenzia di stampa Afp che ha confermato: ” Non c’è stato alcun confronto nelle ultime ore, con nessuna nave straniera, compresi i britannici“. Successivamente è arrivata la risposta del governo britannico: ” Tre navi iraniane, agendo contrariamente al diritto internazionale, hanno tentato di ostacolare il passaggio di una nave commerciale e sono state fatte desistere tramite avvertimenti verbali.

Siamo preoccupati per l’accaduto e continuiamo a sollecitare le autorità iraniane ad azioni di de-escalation nella regione”.

Conseguenze

Questa vicenda accade come conseguenza del blocco di una petroliera iraniana a Gibilterra, (territorio britannico d’oltremare) da parte del Regno Unito su richiesta degli USA.

Il sequestro della nave Grace 1 che trasportava petrolio iraniano diretto in Siria (blocco avvenuto per presunta violazione dell’embargo dell’Unione europea), è stato definito illegale da Teheran.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche