Fede su Ruby: «La trovavo brutta, aveva un cattivo odore. Provavo un fastidio visivo a guardarla» - Notizie.it
Fede su Ruby: «La trovavo brutta, aveva un cattivo odore. Provavo un fastidio visivo a guardarla»
Prima Pagina

Fede su Ruby: «La trovavo brutta, aveva un cattivo odore. Provavo un fastidio visivo a guardarla»

Milano – Emilio Fede, ex direttore del Tg4, imputato nel processo Ruby, respinge ogni accusa. Fede nega di aver portato Karima el Mahroug ad Arcore. Secondo il giornalista, sarebbe stato Lele Mora a portare la giovane marocchina a casa di Berlusconi. Fede, inoltre, ha affermato di non sapere che la giovane fosse minorenne. L’ultima volta che ha visto Ruby era il 14 febbraio del 2010. Fede, poi, si lascia andare a un commento del tutto personale sulla ragazza: ”La trovavo brutta, aveva un cattivo odore e quando parlava faceva le bollicine. Provavo un fastidio visivo a guardarla”.

Sulle cene in casa dell’ex premier Fede dice: ”Io partecipavo alle cene ma non mi fermavo mai fino a tardi. C’era una tavola immensa con un’atmosfera di convivialità. Qualche volta dopo cena si andava nella sala al piano inferiore, dove si chiacchierava, si ascoltava la musica, qualcuna ballava e niente più”.

L’ex direttore nega qualsiasi tipo di trasgressione durante quelle famigerate sene. Nulla di più trasgressivo di un bacio sulla guancia. Esilarante, persino, quando Fede racconta un aneddoto “Solo una volta, a una ragazza ballando le era scivolato il reggiseno, e il presidente fece portare qualcosa per coprirla”. Ma non poteva semplicemente rimettersi gli abiti?. Fede nega anche di aver portato ad Arcore le due aspiranti miss Chiara Danese e Ambra Battilana. ”La decisione di portarle ad Arcore fu di Lele Mora”, ha tagliato corto il giornalista in riferimento alla scena del 22 agosto 2010. Sulla faccenda della statuetta di Priapo, con la quale le ragazze avrebbero simulato rapporti orali, Fede si è limitato a dire un “non ricordo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche