×

Fidenza, incidente sul lavoro: 47enne morto asfissiato nell’autocisterna del camion

Terribile incidente sul lavoro a Fidenza. Un uomo di 47 anni è morto asfissiato nell'autocisterna del suo camion. Cercava di recuperare una guarnizione.

Ambulanza

Terribile incidente sul lavoro a Fidenza. Un uomo di 47 anni è morto asfissiato nell’autocisterna del suo camion. Cercava di recuperare una guarnizione. La vittima è Massimo Amici, di 47 anni, e l’incidente è avvenuto sul retro dello stabilitmento Giotti. 

Fidenza, incidente sul lavoro: morto un uomo di 47 anni

Un terribile incidente sul lavoro a Fidenza, dove un uomo è morto asfissiato nell’autocisterna del suo camioni. La vittima è Massimo Amici, di 47 anni, e probabilmente era sceso per recuperare una guarnizione caduta. Il fatto è accaduto sul retro dello stabilimento Giotti, importante azienda di imbottigliamento, molto conosciuta. Lo stabilimento si trova a Fidenza, in via Otto Mulini Gli inquirenti al momento sono al lavoro per cercare di capire quello che è successo.

Si tratta dell’ennesimo incidente sul lavoro in Italia. I numeri degli incidenti sul lavoro nel nostro Paese sono purtroppo in crescita. 

Fidenza, incidente sul lavoro: la ricostruzione

Secono quanto è stato ricostruito dai carabinieri, Massimo Amici, camionista residente a Morrovalle, nel Maceratese, intorno alle 2 di notte, dopo aver scaricato del vino, stava arieggiando il mezzo di trasporto. L’uomo è sceso dalla botola superiore, probabilmente per recuperare una guarnizione che era caduta.

L’uomo è rimasto asfissiato. Sono immediatamente intervenuti gli operatori del 118 e i vigili del fuoco, ma i tentativi di rianimarlo sono stati del tutto inutili. L’autopsia sul corpo del camionista sicuramente farà chiarezza su quello che è accaduto. Intanto continuano gli accertamenti da parte dei carabinieri e degli uomini della Medicina del lavoro dell’Ausl di Parma. Il mezzo di trasporto è stato sequestrato

Fidenza, incidente sul lavoro: i dati in Italia

Secondo quanto emerso dai dati Inail aggiornati al 31 luglio scorso, dall’inizio dell’anno in Italia ci sono stati 677 morti sul lavoro, ovvero più di 3 al giorno. Le denunce di infortunio, presentate all’Istituto entro il mese di luglio, sono state 312.762, ovvero quasi 24mila in più rispetto ai primi mesi del 2020. In questi giorni è morto anche un uomo di 58 anni, caduto da un tetto di un capannone a Monterotondo mentre effettuava dei lavori di controllo. Ferito anche il figlio di 27 anni. Nel mantovano, invece, un operaio di 36 anni è rimasto schiacciato da manufatti di ferro

Contents.media
Ultima ora