Florida: ufficiale dello sceriffo salva bimba chiusa in auto
Florida: ufficiale dello sceriffo salva bimba chiusa in auto
Esteri

Florida: ufficiale dello sceriffo salva bimba chiusa in auto

Florida
Florida

"Va tutto bene, piccola, parla con me, stai bene": così l'ufficiale Bill Dunn ha tranquillizzato e salvato la piccola di tre anni

Giovedì 16 agosto 2018 l’ufficio dello sceriffo della contea di Seminole, in Florida, ha pubblicato il video in cui il deputato Bill Dunn si precipita a salvare una bambina di tre anni intrappolata in un’auto bollente.

In una società che corre e si rincorre, costantemente in preda alla velocità e attanagliata dallo stress, ciò che prima poteva sembrare impossibile, oggi si rivela incredibilmente facile. Una routine stressante e asfissiante, uno stato psicologico spesso estenuante: così madri, padri, nonni e parenti vari sempre più spesso dimenticano i più piccoli nelle proprie vetture. Un problema serio e drammatico quello dei bambini dimenticati in auto e lasciati morire lentamente. Un dolore incolmabile e insuperabile unito a un forte senso di colpa e di grave responsabilità.

Forse per lo stress e la stanchezza di fine anno lavorativo, prima del riposo estivo. Forse per i primi caldi che spossano, deconcentrano, confondono. Accade sempre più spesso che i bambini vengano dimenticati in auto, sotto al sole cocente e con alte temperature.

Dimenticanze che, salvo rari casi, portano a tragici decessi. La tecnologia offre diversi spunti per far sì che ciò non accada più così spesso. A livello legislativo sarebbe altrettanto importate l’entrata in vigore di una norma che renda obbligatorio l’uso di questi dispositivi su tutte le auto.

L’eroe Bill Dunn

Un deputato dello sceriffo della Florida è stato ripreso pochi istanti dopo aver salvato una bambina di tre anni. Era intrappolata in una vettura sotto il sole cuocente.

Il deputato dell’Ufficio dello sceriffo della Contea di Seminole ha notato che la piccola era rimasta bloccata nella macchina soffocante in occasione della festa del papà. Sebbene l’accaduto risalga ai primi mesi del 2018, il video è stato appena rilasciato. Nel filmato si vede Dunn che attraversa un parcheggio mentre tiene la testa della ragazza.

“Purtroppo, non pensavo che fosse viva quando sono arrivato da lei”, ha detto Dunn in un video pubblicato dall’ufficio dello sceriffo. “Ho sentito un impulso, non ho sentito un battito”. E’ stato questo il commento di colui che ormai è per tutti un vero eroe. La bimba sembrerebbe aver ripreso conoscenza quando Bill ha acceso l’aria condizionata nella sua auto di pattuglia, dove ha recato la piccolina. “Va tutto bene, piccola, parla con me, stai bene”, si sente nel filmato. Con queste dolci parole l’ufficiale ha cercato di tranquillizzare la bambina. Nel frattempo si dirigeva all’ospedale in quella corsa contro il tempo.

La bimba è stata dimessa dall’ospedale dopo tre giorni. All’indomani dall’uscita dalla clinica ospedaliera, Bill Dunn ha potuto incontrarla. Le immagini sono commoventi. In quel dolce abbraccio la piccola mostra tutta la sua riconoscenza per colui che le ha salvato la vita.

Florida

Bimbi dimenticati nelle auto

L’ufficiale addetto alle informazioni pubbliche, Bob Kealing, ha riferito che nel solo 2018 ci sono già stati 35 decessi di bambini dimenticati nelle automobili. I dati vengono resi noti dal NoHeatStroke.org. Si tratta di un progetto di Jan Null al Dipartimento di Meteorologia e Scienze del Clima della San Jose State University.

Florida

Nel 2017, ci sono stati 43 decessi, con una media di 37 morti ogni anno dal 1998. Uno studio pubblicato a maggio ha rilevato che un’automobile può diventare un forno letale in appena un’ora quando parcheggiata al sole. La temperatura interna può raggiungere i 116 gradi e il cruscotto può superare i 165 gradi in circa un’ora.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Asia Angaroni
Asia Angaroni 741 Articoli
Leva 1996, varesotta di nascita milanese di adozione. Dall’amore per la stampa e la verità alla laurea in Comunicazione. Amante della letteratura e dell’arte, alla ricerca costante di sapienza e cultura. Appassionata di cronaca sportiva e di inchieste, desiderosa di fare della parola il proprio futuro.