×

Mara Carfagna lascia FI: “Non voglio un paese simile all’Ungheria di Orban”

"Non voglio un paese simile all'Ungheria di Orban", Mara Carfagna lascia FI

carfagna
carfagna

Mara Carfagna si aggiunge alla lista dei nomi, insieme a Mariastella Gelimini e Renato Brunetta, che lasciano Fratelli d’Italia. Il possibile saluto della Carfagna era stato smentito da Licia Ronzulli ma la notizia dell’addio era imminente. La Ministra del Sud del governo Draghi ha riferito che “la riflessione che sto facendo parte da due dati di fatto: gli applausi di Putin alla crisi e le centinaia di messaggi di sindaci e imprenditori che da giorni mi dicono “ma siete impazziti?””.

Carfagna lascia FI: i motivi

L’addio di Mara Carfagna a FI arriva anche a causa di alcuni disaccordi sulla visione del tipo di futuro per l’Italia: “Meloni ha tutto il diritto di proporre la sua premiership – ha detto Carfagna – se l’è guadagnata, guida un partito che ha ampiamente sorpassato la Lega e ha il tripo di voti di FI. A Draghi si è sempre opposta, per molti versi è la più coerente.

Ma la sua idea dell’Italia non è la mia. Io penso che l’Italia non debba somigliare all’Ungheria di Orbàn, ma alla Germania di Merkel“. Continua la Ministra del Sud: “Dimostriamo agli italiani, all’Europa e all’Occidente che siamo un fronte responsabile, serio, capace di rispettare i patti fino in fondo. Si è fatto il contrario. Ciò che conta ora è ripristinare l’affidabilità italiana, messa gravemente a repentaglio dalla crisi e da chi l’ha provocata“.

E ancora: “La mancata fiducia a Draghi indica una rinuncia a ogni autonomia della componente liberale della destra sovranista. Fino al 19 luglio FI non avrebbe avuto alcun dubbio sulla linea in caso di problemi del governo: favorire la conclusione ordinata della legislatura, mettere in sicurezza famiglie e imprese, sostenere il premier più rispettato d’Europa per poi poterne rivendicare i successi in campagna elettorale. Dal 20 luglio il Rubicone è stato varcato.

È stata fatta una scelta di totale discontinuità con la nostra storia e con le nostre relazioni europee e occidentali“.

Contents.media
Ultima ora