×

Mussolini: non toccate le nostre indennità o ci ammazziamo

Condividi su Facebook

Taglio vitalizi e indennità, l'onorevole Alessandra Mussolini, insieme ad altri suoi compagni, hanno manifestato la loro contrarietà con parole dure

alessandra
alessandra

Il taglio dei vitalizi d’oro di Montecitorio è un argomento con un potere unico: è capace di infuocare le camere. Le proteste arrivano da entrambi i rami del Parlamento, ogni volta che l’argomento è proposto. L’idea di base è di ricalcolare tutti i vitalizi percepiti sulla base del sistema contributivo.

In molti vedono la riduzione dei vitalizi come un decisivo un passo avanti per dire “addio alla casta”. Tanti gli ex parlamentari ad aver giurato guerra, annunciando di presentare ricorsi: tra questi, l’onorevole Alessandra Mussolini, totalmente contraria a questo provvedimento.

Le dichiarazioni di Alessandra Mussolini

La feroce lotta degli onorevoli per salvarsi il vitalizio consta di guerrieri combattivi e ostinati, desiderosi di trarre vantaggio dai privilegi della casta. Con toni che potremmo definire estremi, il condottiero Alessandra Mussolini si è guadagnata la fascia del capitano in questa partita, con una linea di pensiero che non ha mutato nel corso degli ultimi anni.

“È come se ci mandassero nudi per strada”, dichiara la Mussolini grande oppositrice della proposta di abbassare le indennità a 5000 euro. “Poi è ovvio che uno si ammala, prende l’influenza, si aggrava, arriva la polmonite e quindi…”, ha continuato la nipote del Duce. Per lei il taglio dei vitalizi sarebbe “un’istigazione al suicidio”.

La Mussolini non cede e continua la sua arringa: “Per colpa di pochi, quelli che si sono arricchiti con la politica e i soldi sottobanco, paghiamo tutti”, ha sentenziato accanita. “Per i cittadini soffriamo ancora poco. Vogliono vederci soffrire ancora di più. Se abbassassero i nostri stipendi a 1. 000 euro al mese, la gente ci vorrebbe veder prendere 500 euro”.

Le cifre d’oro di Camera e Senato

L’articolo 69 della Costituzione recita: “I membri del Parlamento ricevono un’indennità stabilita dalla legge”. Secondo la legislazione vigente, spetta agli Uffici di Presidenza delle Camere il compito di determinare l’ammontare dell’indennità mensile. La remunerazione di cui godono i parlamentari è legittimata dall’impegno nello svolgimento delle proprie funzioni.

I deputati hanno diritto a un’indennità lorda di 11.703 euro. Al netto sono 5.346,54 euro mensili più una diaria di 3.503,11. Impossibile dimenticare il rimborso per spese di mandato pari a 3.690 euro.

A questi numeri che da sé fanno rabbrividire, si aggiungono 1.200 euro annui di rimborsi telefonici e da 3.323,70 fino a 3.995,10 euro ogni tre mesi per i trasporti.

I senatori invece ricevono un’indennità mensile lorda di 11.555 euro. Al netto la cifra è di 5.304,89 euro, più una diaria di 3.500 euro cui si aggiungono un rimborso per le spese di mandato pari a 4.180 euro e 1.650 euro al mese come rimborsi forfettari fra telefoni e trasporti. Così, i componenti del Senato guadagnano ogni mese 14.634,89 euro contro i 13.971,35 euro percepiti dai deputati.

Un’analisi degli stipendi medi dei parlamentari in Europa ha dimostrato che in Italia un parlamentare guadagna circa il doppio del collega corrispondente in Inghilterra.

Inoltre, la cifra è superiore anche a quella tedesca, francese e spagnola.

Nato a Magenta (MI), classe 1984, è laureato magistrale in Teoria e Metodi per la Comunicazione presso l'Università Statale di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per ChiliTV, That's All Trends e Ultima Voce.


Contatti:

6
Scrivi un commento

1000
6 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
5 Commentatori
più recenti più vecchi
Maria Vittoria Sanvido

non si nota una grande sofferenza nei nostri politici…metterei l’onorevole Mussolini in mezzo ai disoccupati o ai percettori di indennità per invalidità di €.280,00 mensili a far le stesse dichiarazioni…è di oggi la notizia di un tentato suicidio per motivi economici di un 66 disoccupato a Cagliari..che si vergognino di aver ridotto alla miseria tanta gente e mantenere i loro ‘sudati’ privilegi. Con indennità più basse forse avremmo meno politici in corsa e certamente più motivati sensibili e concreti nel servizio al nostro paese. Per il momento abbiamo quel che ci meritiamo, compreso l’onorevole Mussolini.

Ren

Peró se lo devi fare fallo con stile … a testa in giù!

Franca

Fate schifo vergognatevi

Luigi

Ci fossi io al governo per legge, tutti i parlamentari li porterei sul percorso del reddito di cittadinanza.Quindi avanti con la riduzione e chi si vuole ammazzare si accomodi come hanno già fatto tanti piccoli imprenditori e artigiani che nn riuscivano più a potare avanti le loro attività per colpa delle leggi che ha votato anche la Mussolini

Massimiliano

Ma sta ebete non è degna del cognome che porta.
Sei una Mussolini tuo nonno si ribalta nella tomba.
Sei una delusione donna di merda.

Massimiliano

E allora ammazzati tu e tutto quei coglioni che ti seguono


Contatti:
Alberto Pastori

Nato a Magenta (MI), classe 1984, è laureato magistrale in Teoria e Metodi per la Comunicazione presso l'Università Statale di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per ChiliTV, That's All Trends e Ultima Voce.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.