×

Alluce valgo: i rimedi naturali e le conseguenze

Fate fatica a camminare a causa dell'alluce valgo? Vediamo insieme in cosa consiste questo disturbo e quali sono i rimedi naturali.

-
-

La Società Italiana della Caviglia e del Piede ha affermato che in Italia 1 persona su 5 (15-20% della popolazione) inizia a soffrire di alluce valgo con osso “a cipolla”, mentre altri soggetti lamentano alluce rigido o dita a martello. Le persone che rischiano maggiormente di disturbi alle dita dei piedi sono le donne, la cui probabilità di esserne colpiti è superiori di circa 7 o 8 volte rispetto agli uomini. Gli esperti affermano che l’85% dei pazienti che soffrono di alluce valgo presentava già una predisposizione, mentre il 15% delle persone inizia a soffrirne successivamente.

Alluce valgo

Per “Alluce Valgo” s’intende una deformazione dell’alluce del piede, secondo cui questo risulta deviato lateralmente verso le altre dita, con sporgenza mediale contemporanea del primo osso metatarsale.

Questa deformità ossea si associa spesso a un’infiammazione recidiva e costante della borsa mucosa, alla base dell’impianto dell’alluce, nel caso in cui si trova a contatto con le scarpe.

Chi soffre di alluce valgo prova dolore in corrispondenza della base dell’alluce, in particolare dove si trova la sporgenza ossea (esostosi) sul lato interno, infiammata e arrossata, che prende il nome di “Patata” o “Cipolla”. In contemporanea l’alluce inizia a piegarsi in modo progressivo laterale verso le dita, creando in queste ultime una deviazione secondaria assiale.

Quando l’alluce valgo si aggrava, l’alluce può andare a situarsi addirittura sotto il secondo dito, provocando ad esso una lussazione sull’articolazione metatarsofalangea, fino a che questo si trova sollevato e ipersteso. L’alluce a volte può porsi al di sopra del secondo dito, così da spingerlo plantarmente.

Le dita diventano a martello, fino a lussarsi sui metatarsi.

L’alluce valgo può essere, inoltre, accompagnato dalla formazione di callosità dolorose sulla pianta del piede, per la sporgenza plantare dei metatarsi, dopo la ripartizione alterata del carico. Per valutare la gravità dell’alluce valgo serve una radiografia nelle due proiezioni: in carico e standard. A volte è meglio fare una Risonanza Magnetica o una TAC del piede per vedere se ci sono in corso altre patologie.

Vediamo ora alcuni consigli per migliorare l’alluce valgo:

NON STARE TROPPO IN PIEDI: bisogna evitare le attività che costringono a stare in piedi per periodi di tempo lunghi.

CALZATURE ADEGUATE: la scarpa migliore da indossare non presenta un tacco che superi i 4-5 cm e deve riprendere la forma naturale dell’arco del piede.

Il tacco troppo alto, infatti, costringe il piede a una posizione innaturale e molto scomoda.

FISIOTERAPIA: per ridurre i sintomi e i dolori si può scegliere la fisioterapia

PLANTARI: aiutano a minimizzare la sintomatologia dolorosa e i sintomi.

FARMACI: servono a ridurre dolore e l’infiammazione.

Alluce valgo: le conseguenze

Se non curato l’alluce valgo può portare a diverse disturbi che ora andremo ad analizzare nello specifico.

CONSEGUENZE POSTURALI: per il contemporaneo allungamento dei legamenti, il primo metarsale si sposta e diventa ipermobile. Il primo metarsale si solleva verso l’alto sotto l’azione del carico e va ad appiattire l’arco longitudinale mediale, provocando una rotazione verso l’interno del piede. Il movimento di pronazione si trasmette a tutto l’apparato muscolo-scheletrico, attraverso le articolazioni dell’arto inferiore. In questo modo, viene influenzata la postura: l’arto inferiore inizia a ruotare internamente, grazie alla torsione del piede, provocando l’inclinazione in avanti del bacino, attraverso i legamenti dell’anca. Questo può portare ad una modifica della curvatura della colonna vertebrale, creando un aumento della curva lomabre (Iperlordosi).

DEGENERAZIONE ARTICOLARE E BORSITE: l’articolazione metatarso falangea va disallinearsi, lavorando in modo non simmetrico e andando a comportare l’usura delle componenti della cartilagine con conseguente dolore. La prominenza dell’articolazione metatarso-falangea e dell’osso metatarsale, inoltre, urta contro la tomaia delle scarpe, che, deformata, provoca l’infiammazione della borsa mucosa che si trova sul bordo mediale dell’articolazione metata.

DITA A MARTELLO: il secondo dito inizia a sollevarsi, retraendo i tendini estensori, fino ad andare incontro alla flessione irriducibile dell’articolazione prossimale interfalangea.

LUSSAZIONE DELLE DITA: la spinta dell’alluce contro le dita provoca un incurvamento, fino alla deviazione dorsale o laterale e la deformazione a martello. Avviene una lussazione completa dopo la perdita dei rapporti anatomici tra l’osso metatarsale e la base del dito.

METATARSALGIE: avviene un sovvertimento strutturale dell’avampiede, andando a creare un sovraccarico sul terzo e sul secondo osso metatarsale con callosità in sede plantare e comparsa di dolore.

Alluce valgo: il miglior rimedio naturale

Il miglior tutore in commercio per l’alluce valgo è sicuramente FootFix, semplice da indossare e realizzato in silicone. FootFix può migliorare la malformazione dell’alluce valgo e alleviare il dolore, se utilizzato quotidianamente.

FootFix permette di:

  • Correggere i problemi che sono causa dell’alluce valgo.
  • Annullare il dolore collegato all’alluce valgo.
  • Sistemare la postura.
  • Correggere la posizione dell’alluce.

A detta di esperti del settore e dei consumatori che l’hanno provato, si tratta del miglior tutore per alluce valgo in commercio. Nei casi di forme lievi del problema, che non richiedano l’intervento chirurgico, migliora in maniera efficace il problema, andando a correggere le deformazioni del piede, senza particolari controindicazioni, salvo determinate allergie ai materiali di cui si compone.

Per chi fosse interessato, sono disponibili ulteriori informazioni cliccando qui o sulla seguente immagine.

FOOT FIX.

Il prodotto originale non è disponibile presso nessun negozio fisico e nemmeno su siti di e-commerce online. L’unico modo di acquistarlo, evitando imitazioni, è recarsi sul sito ufficiale del prodotto. Dopo aver effettuato l’accesso, dovrete compilare un modulo con i propri dati personali, che verranno protetti dall’azienda; verrete richiamati dal call center che vi confermerà l’ordine. Il prodotto sarà spedito a casa gratuitamente e potrete pagare anche in contrassegno, oltre che con carta di credito o Paypal. Al momento, FootFix si può acquistare in sconto al prezzo di 35€ invece di 69€.

Ecco una delle tante recensioni sul sito.

“Il mio ortopedico mi aveva consigliato un piccolo intervento ma, sinceramente, non mi piace sottopormi alle operazioni se non strettamente necessarie. Perciò cercando su internet ho trovato FootFix. Lo indosso con le scarpe chiuse da quasi due mesi e il dolore è quasi scomparso e mi sembra di notare anche dei miglioramenti sulla deformazione” (Franco, 52 anni).

Nata durante l'estate del 1991. Sono laureata in Scienze dei Beni Culturali e Lettere Moderne. Amo scrivere, la moda, gli animali, l'arte, il cinema e i viaggi.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:
Eleonora Cattaneo

Nata durante l'estate del 1991. Sono laureata in Scienze dei Beni Culturali e Lettere Moderne. Amo scrivere, la moda, gli animali, l'arte, il cinema e i viaggi.

Caricamento...

Leggi anche