Palermo, padre aggredisce docente ipovedente della figlia
Palermo, padre aggredisce docente ipovedente della figlia
Cronaca

Palermo, padre aggredisce docente ipovedente della figlia

L'istituto

In una scuola di Palermo il padre di una studentessa di terza media ha picchiato un suo professore ipovedente perché lui avrebbe picchiato lei.

Nuovo episodio di violenza nei confronti di un insegnante da parte di un genitore. E’ successo giovedì 5 marzo in una scuola di Palermo, l’istituto comprensivo Abba-Alighieri, dove il padre di una studentessa di 13 anni ha picchiato un professore della figlia, il quale tra l’altro è ipovedente, perchè sembra che la ragazzina abbia riferito a casa che lui l’avrebbe picchiata, ma le fonti sono discordanti e la stessa ragazzina ha poi minimizzato. Dopo un pugno al volto e una serie di calci, il docente è finito all’ospedale Civico, i cui medici sospettano abbia un’emorragia cerebrale. La prognosi è stata sciolta nella mattinata del giorno successivo ai fatti, sui quali sta indagando la polizia della Squadra Mobile, basandosi sul referto medico, che parla anche della frattura di uno zigomo dell’insegnante. Ne avrà per 25 giorni.

I dettagli

L’episodio è avvenuto dopo un corso pomeridiano a cui avevano partecipato la studentessa e tenuto dal docente, il quale è stato aggredito dal padre di questa mentre scendeva le scale dell’istituto di via Marturano a Palermo verso le 19.

Il professore ipovedente, 50 anni, non ha potuto difendersi: sono intervenuti alcuni bidelli per fermare il genitore violento e poi i carabinieri.

Macchina carabinieri

Non è ancora chiaro che cos’abbia scatenato la furia dell’uomo: se un semplice rimprovero alla figlia, un gestaccio o addirittura se l’abbia picchiata Inoltre non è certo se la ragazzina l’abbia riferito al genitore a voce o via SMS.

La tredicenne è stata poi ascoltata dalle autorità, ma a quel punto avrebbe minimizzato le responsabilità del docente aggredito, che l’avrebbe soltanto fatta uscire dalla classe. Intanto il genitore aggressore – che più tardi si è scusato per ciò che aveva fatto – è accusato di aggressione a pubblico ufficiale, dato che aveva agito nei confronti di un insegnante all’interno della scuola.

Pochi giorni fa un episodio simile

Quello che si profila come l’ultimo caso di “genitore che difende a tutti i costi i figli dal rimprovero degli insegnanti“, potrebbe avere un precedente avvenuto pochi giorni fa in una scuola di Alessandria, dove alcuni ragazzi di prima superiore avrebbero picchiato, legato alla sedia e deriso un’insegnante disabile, filmando la scena e pubblicandola poi su Instagram.

Studente aggredisce docente

Neanche questa vicenda, comunque, è ancora ben chiara, perchè il Dirigente scolastico avrebbe riferito che la docente, la quale non ha sporto denuncia, sarebbe stata “solo” derisa dal gruppo di bulli, non anche presa a calci e legata alla sedia: lo avrebbero detto (guarda caso) i genitori degli alunni responsabili del gesto.

Ragion per cui questi ultimi sono stati solo sospesi per un mese e “condannati” a svolgere lavori socialmente utili – leggerezza della pena che aveva scatenato l’indignazione del web -.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche