Pandino: ucciso 43enne davanti a fidanzata, omicida in fuga
Pandino: ucciso 43enne davanti a fidanzata, omicida in fuga
Cronaca

Pandino: ucciso 43enne davanti a fidanzata, omicida in fuga

suicidio

Omicidio a Pandino (Cremona). Un uomo di 43 anni, peruviano, è stato raggiunto da tre colpi di pistola sparati da un'auto. E' caccia all'assassino.

Pomeriggio di sangue a Pandino, Comune di poco più di 9mila abitanti in provincia di Cremona. Stando alle primissime ricostruzioni, qualcuno da un’auto avrebbe aperto il fuoco improvvisamente contro un 43enne peruviano. La vittima è stato infatti raggiunto da tre colpi di pistola mentre si trovava in un parcheggio in via Fontana 20, attorno alle ore 15:30 di oggi, venerdì 13 luglio 2018. L’aggressione è avvenuta davanti ad un ristorante cinese, sotto gli occhi della fidanzata del 43enne. E’ stata lei a dare l’allarme per prima, ma nonostante il pronto intervento dei sanitari per l’uomo non c’è stato niente da fare. Sul posto sono giunti i carabinieri, un’ambulanza, un’automedica e persino l’elisoccorso, ma purtroppo i medici non hanno potuto fare altro che accertare il decesso dell’uomo. Il 43enne è infatti morto sul colpo, stroncato dai tre proiettili. Ancora da accertare l’identità dell’assassino.

Proiettili da un’auto

I testimoni racconterebbero infatti che tutto è avvenuto in pochi minuti.

Un’auto scura, nera o blu, si sarebbe infatti avvicinata alla vittima e avrebbe esploso i colpi mortali. Subito dopo la sparatoria, la vettura è scappata a tutta velocità. Non è chiaro se qualcuno sia riuscito a prendere almeno la targa dell’auto. L’assassino quindi è attualmente ancora ricercato, pare in tutta la Brianza. Le forze dell’ordine stanno ascoltando tutte le persone presenti al momento del delitto, molte delle quali raccontano di non essersi rese conto di quanto stava avvenendo scambiando i colpi d’arma da fuoco per “petardi”. E’ probabile che gli inquirenti sequestreranno tutte le telecamere di sorveglianza presenti in zona per risalire all’autore dell’omicidio.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche