×

Parma: carabinieri ritrovano motorino Ciao rubato 31 anni fa

Un 48enne riceve una telefonata inaspettata. A 31 anni dal furto, i carabinieri rintracciano il suo motorino Ciao, il più amato dagli italiani.

motorino Piaggio ciao

Il Ciao della Piaggio è stato uno dei motorini più venduti, ed amati, in Italia. Dagli anni ’70 fino almeno alla fine degli anni ’90 (del secolo scorso), non esisteva comitiva senza che almeno uno del gruppo non avesse un Ciao. Ecco perché dopo anni a sentir parlare di questo motorino si prova ancora una certa emozione. Soprattutto se si erano ormai perse le speranze di ritrovarlo. Un 17enne aveva denunciato il furto del proprio Ciao nel 1987. Da allora, non ne seppe più nulla. Fino a quando pochi giorni fa i carabinieri lo hanno ricontattato annunciando: “Abbiamo ritrovato il suo vecchio motorino azzurro”.

Il furto del Ciao quando aveva 17 anni

“Pronto, qui parlano i carabinieri. Le vogliamo comunicare che abbiamo ritrovato il suo motorino azzurro Ciao della Piaggio”.

Deve essere iniziato così il tuffo nel passato di un 48enne che abita nel parmense. L’uomo infatti aveva denunciato il furto del proprio Ciao nel lontano 1987. Come riporta la Gazzetta di Parma, l’allora adolescente aveva parcheggiato come di consueto il suo Ciao della Piaggio. Era il 25 settembre di 31 anni fa, una data che ricorderà a lungo. Quando è tornato a prendere l’amico di mille avventure, il 17enne ha trovato infatti solo una brutta sorpresa.

Qualcuno gli aveva rubato il suo motorino, da cui difficilmente fino a quel momento si era mai separato. Il ragazzino viene accompagnato dai genitori in caserma per sporgere denuncia. E’ probabile che i militari lo avvertirono che non avrebbe più rivisto il suo Ciao.

Di norma, motorini come quelli venivano rubati per ottenere pezzi di ricambio a buon mercato. Il giovane però per qualche tempo si illude di poter risalire in sella al suo Ciao color azzurro. Passa il tempo, forse i familiari gli comprano un altro motorino. Il Ciao passa nel dimenticatoio. Fino a pochi giorni fa.

Dopo 31 anni arriva infatti quella telefonata che non ti aspetti. I Carabinieri, durante una perquisizione a Tizzano Val Parma nella casa di un pregiudicato, individuano anche questo vecchio motorino. Era in uso ad un uomo di 37 anni, ora accusato di ricettazione. Ovviamente al motorino era stata cambiata la targa e non aveva alcun documento di circolazione. I militari però vogliono vederci chiaro e effettuano una ricerca tramite il numero di telaio.

Il Ciao infatti è ancora in buone condizioni. Da qui la scoperta che il furto era avvenuto più di tre decenni fa. Quando il proprietario ha scoperto di poter finalmente rivedere il suo vecchio Ciao è rimasto entusiasta, riferendo alla Gazzetta di Parma che non vedeva l’ora di riprenderlo per farci un altro giro in città.

Il motorino più venduto

Il motorino Ciao della Piaggio è stato il più venduto in Italia, e sicuramente il più amato. A contribuire al successo del Ciao il fatto che era molto leggero, consumava poco (ideale quindi per le tasche degli adolescenti) ed era facile metterci le mani nel caso qualcosa si rompesse. Ma soprattutto, ai ragazzi piaceva il fatto che il Ciao si potesse usare come una bicicletta, se si rimaneva a secco.

Conquistò invece le ragazze perché aveva un gancio portaborsa, mentre il portapacchi posteriore spesso veniva usato come secondo sedile. Il primo Ciao prodotto dalla Piaggio risale al 1967, ma ebbe una grandissima diffusione fino alla fine degli anni ’90. L’ultima versione risale al 2006 (il Ciao Kat Euro 2), prima che fosse definitivamente ritirato dal commercio.

Di origine sarda ma nata e cresciuta a Roma. Dopo la maturità classica ho studiato "Scienze politiche" all'Università La Sapienza. Scrivo quotidianamente sul web per testate e blog dal 2006, giornalista dal 2009. Mi sono sempre occupata di servizi di approfondimento e d'inchiesta, alcuni scelti come fonte di Wikipedia, di libri e testi universitari mentre altri sono stati tradotti all'estero. Autrice anche di qualche scoop. Progettista Web e "Tecnico Superiore per la Comunicazione e il Multimedia", ho una profonda conoscenza del mondo internet e per questo non sono sui social.


Contatti:

Contatti:
Paola Marras

Di origine sarda ma nata e cresciuta a Roma. Dopo la maturità classica ho studiato "Scienze politiche" all'Università La Sapienza. Scrivo quotidianamente sul web per testate e blog dal 2006, giornalista dal 2009. Mi sono sempre occupata di servizi di approfondimento e d'inchiesta, alcuni scelti come fonte di Wikipedia, di libri e testi universitari mentre altri sono stati tradotti all'estero. Autrice anche di qualche scoop. Progettista Web e "Tecnico Superiore per la Comunicazione e il Multimedia", ho una profonda conoscenza del mondo internet e per questo non sono sui social.

Leggi anche