Perde ai videogiochi e si taglia la testa con la motosega
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Perde ai videogiochi e si taglia la testa con la motosega
Esteri

Perde ai videogiochi e si taglia la testa con la motosega

Perde ai videogiochi e si taglia la testa
Perde ai videogiochi e si taglia la testa

Secondo le prime ricostruzioni, il ragazzo si sarebbe volontariamente tolto la vita. Soffriva di dipendenza da videogiochi.

Una partita di videogiochi è finita in tragedia. Pavel Matveev, 15 anni, è morto a Mogochino, in Russia, nella regione di Tomsk. Il ragazzo viveva con la madre, di cui non si conosce l’identità, e aveva una forte dipendenza videoludica. Passava intere giornate al computer per primeggiare nei giochi che la madre gli aveva regalato. Secondo le prime ricostruzioni, sembra che dopo aver perso una partita Pavel sia andato in giardino, abbia afferrato una motosega e si sia tagliato la testa. Le indagini sono ancora in corso, ma l’ipotesi più probabile sembra essere quella del suicidio. Gli inquirenti sono alla ricerca di un eventuale collegamento con il fenomeno Blue Whale, che proprio in Russia ha causato un alto numero di vittime.

Videogiochi finiti in tragedia

Il 26 agosto David Katz, 24enne di Baltimora, ha aperto il fuoco a Jacksonville, in Florida, causando la propria morte e quella di altre tre persone. Il ragazzo aveva appena partecipato a un torneo di videogiochi nel centro commerciale “The Landing”.

Secondo gli inquirenti, David avrebbe iniziato a sparare come reazione alla sconfitta nel corso del torneo. Ha colpito almeno cinque persone prima di togliersi la vita.

A gennaio il 28enne Matthew Nicholson ha ucciso la madre Lydia a Ceres, California. L’uomo stava giocando una partita di videogiochi quando la madre lo ha interrotto, dando inizio a un’accesa discussione. Matthew ha distrutto le cuffie per la rabbia, ha poi estratto una pistola e ha sparato due proiettili contro il muro prima di colpire sua madre in testa, uccidendola. Il padre 81enne, accorso al rumore degli spari, lo ha disarmato e ha chiamato la polizia. Il ragazzo è fuggito per nascondersi a Riverbank, a casa della sorella, dove è stato arrestato dagli agenti.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 2373 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.