Pirateria: 20 siti oscurati, mega operazione della Gdf
Cronaca

Pirateria: 20 siti oscurati, mega operazione della Gdf

Pirateria

Una maxi operazione anti-pirateria ha condotto all'oscuramento di 20 siti web illegali e al sequestro di i 12 computer, 30 hard disk ed altri supporti: 8 gli indagati.

I finanzieri del Nucleo Speciale Frodi Tecnologiche hanno portato a termine un maxi operazione anti-pirateria, grazie alla quale sono stati oscurati ben 20 siti web illegali. In totale è stato effettuato il sequestro di 12 computer, 30 hard disk ed altri supporti informatici in Piemonte, Abruzzo, Campania, Lazio, Puglia, Sardegna e Veneto. Nello specifico ci sarebbero otto indagati.

I dettagli della maxi operazione anti-pirateria

I contenuti pirata rinvenuti dei dispositivi informatici erano di vario genere (film, serie, giochi, software, etc.) e accessibili tramite piattaforme Cyberlocker “che garantiscono un servizio di archiviazione su Internet”.

Secondo le quanto riportato dagli inquirenti, in seguito all’operazione, l’organizzazione era strutturata e in grado di “monopolizzare su scala nazionale il mercato nero della pirateria digitale”. Si tratta di una tecnologia particolarmente avanzata: software di encoding e di rimozione del DRM degli ebook, “che ha loro consentito di decodificare gli audio ed i video dei film ed eludere le misure di protezione a salvaguardia del diritto digitale, confezionando prodotti piratati di qualità pari all’originale”.

L’indagine condotta dagli inquirenti è stata effettuata basandosi sul costante monitoraggio del web e poi il rilevamento degli indirizzi IP ha consentito di risalire agli effettivi gestori dei siti.

In totale ci sono otto indagati, che dovranno rispondere dell’accusa di pirateria.

Nella nota ufficiale della Guardia di Finanza si legge: “L’indagine di polizia giudiziaria è volta al contrasto del fenomeno del warez illegale, attuato mediante lo scambio e successiva vendita, non autorizzata, di materiale digitale (software, file multimediali, e-book) tutelato da copyright”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche