Consiglio Ue, deteriorata la libertà di stampa in Italia
Politica

Consiglio Ue, deteriorata la libertà di stampa in Italia

libertà di stampa

Un report del Consiglio Europeo ha evidenziato come in Italia sia in corso un deterioramento della libertà di stampa.

Secondo un report dell’Unione Europea, i giornalisti sarebbero maggiormente attaccati dal nuovo governo, “I due vicepremier, Di Maio e Salvini, esprimono regolarmente una retorica particolarmente ostile a media e giornalisti sui social” si legge nel documento. Il risultato di questa pratica sarebbe un
deterioramento della libertà di stampa nel 2018″.

Il report dell’Unione Europea

A sostenere il deterioramento della libertà di stampa è il rapporto stilato dalle 12 organizzazioni che gestiscono la piattaforma del Consiglio Europeo che si occupa di protezione del giornalismo e incolumità dei giornalisti. Nel documento, infatti, si legge che “la crescente violenza contro i cronisti è particolarmente preoccupante” e “la libertà di stampa sul continente non è mai stata così fragile dalla fine della guerra fredda”. Il quadro, leggendo queste parole, appare quindi particolarmente grave. A peggiorare la situazione dell’Italia sarebbe “il brusco aumento” di segnalazioni e violazioni della libertà di stampa, che sarebbero triplicate rispetto al 2017.

Violazioni in aumento

All’Italia, così come alla Turchia, alla Russia e all’Ungheria, è stato dedicato un paragrafo a parte.

“L’Italia – si legge nel report – è uno dei Paesi con il più alto numero di segnalazioni nel 2018″ per attacchi e minacce a giornalisti. Il grosso delle segnalazioni è giunto dopo l’insediamento del nuovo governo, e perché “i due vicepremier, Di Maio e Salvini, esprimono regolarmente una retorica ostile
a media e giornalisti sui social”.

Nel documento si affrontano anche altre questioni, come quella della scorta di Saviano: “Il vicepremier Salvini ha minacciato di togliere la scorta al giornalista Roberto Saviano, nonostante siano note le minacce di morte che ha ricevuto da parte di organizzazioni criminali”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Antonella Ferrari
Classe 1995, lodigiana di nascita, grande appassionata di danza, sport e viaggi. Laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano, coltiva da sempre l’interesse per il giornalismo. Dopo aver svolto uno stage nella redazione di un quotidiano locale, da ottobre 2018 collabora con Entire Digital Publishing in qualità di redattrice per Notizie.it.