> > Gronda di Genova, no dal Ministero. L'ira di Toti contro Toninelli

Gronda di Genova, no dal Ministero. L'ira di Toti contro Toninelli

Gronda di Genova

Per il Ministero dei Trasporti la Gronda di Genova non è conveniente sotto diversi aspetti. Giovanni Toti: "E' il colpo di coda di Toninelli".

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti boccia la Gronda di Genova in base a delle analisi che suggeriscono “l’opportunità di perseguire opzioni infrastrutturali più efficienti in termini trasportistici, ambientali e finanziari”.

L’ira del governatore della Liguria Giovanni Toti.

No alla Gronda di Genova

“Il colpo di coda di Toninelli! Anche se il Governo non esiste più, il Ministero delle Infrastrutture a guida grillina boccia la Gronda di Genova, un progetto già fatto e che gli italiani stanno già pagando. Anzi, molte persone e molte aziende sono già state espropriate perché il cantiere sarebbe già dovuto partire mesi fa” denuncia su Facebook il governatore della Liguria Giovanni Toti.

Sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti vengono pubblicate infatti le analisi costi-benefici e l’analisi giuridica relative alla Gronda di Ponente e interconnessione A7–A10–A12.

Dal dicastero si sottolinea quindi che “la risultanza delle valutazioni condotte suggerisce di cogliere l’opportunità di perseguire opzioni infrastrutturali più efficienti in termini trasportistici, ambientali e finanziari, che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti auspica possano, a partire dallo studio effettuato, essere approfondite e individuate attraverso un confronto con i livelli istituzionali territoriali”.

Nell’analisi si valutano infatti alternative progettuali a quella della Gronda, che prevede un costo complessivo di 4,7 miliardi per 120 mesi di realizzazione.

L’ira di Giovanni Toti

“L’arroganza non ha limiti: per compiacere i grillini liguri, che in campagna elettorale si sono schierati contro l’opera, il Governo boccia un’infrastruttura strategica per tutti i porti e il nord-ovest del Paese. – afferma quindi Giovanni Toti – E questo nonostante tutte le associazioni di impresa, i sindacati, le categorie, i professionisti, chiunque viva e lavori in Liguria sia favorevole alla sua realizzazione”.

“Il confronto istituzionale c’è già stato! Così come il dibattito pubblico, voluto dal PD, tra i cittadini coinvolti nel progetto” ricorda quindi il presidente della Liguria. Giovanni Toti, che punta alla scalata di Forza Italia con il suo movimento “Cambiano”, conclude quindi: “Dopo aver aspettato anni per colpa della sinistra, ora siamo ancora bloccati per colpa dei 5 Stelle. E adesso che si mettono pure insieme a Roma… che disastro sarà? Aspetto il PD che venga a dire, pur di andare al governo, che ha ragione Toninelli”.