×

Previsioni meteo domenica 26 novembre 2017

In questa giornata il cielo sarà nuvoloso, presenti piogge e nevicate a quote basse. Rispetto ai giorni precedenti ci sarà un calo termico.

Previsioni meteo domenica 26 novembre 2017

Previsioni meteo

In questa giornata la quota neve scende intorno ai 500-900 metri. Seguiranno anche venti freddi che porteranno un calo termico deciso. I valori verranno portati sotto alla norma e torneranno piogge e neve in montagna. Questa nuova situazione avrà degli aspetti positivi per il miglioramento della qualità dell’aria. Vediamo ora nello specifico le situazioni meteo delle tre aree.

Il Nord

Presenti molte nuvole compatte lungo i rilievi alpini confinali, il Triveneto e l’Emilia Romagna centro orientale. Ci saranno ancora delle piogge residue e dei rovesci sparsi in pianura. Sulle zone montuose avremo delle nevicate sopra ai 500 metri. Si andranno attenuando a partire dal pomeriggio. Sulle restanti regioni occidentali sarà poco nuvoloso, sul resto del settore velato. La sera sui rilievi alpini confinali presenti molte nuvole, ci saranno anche delle nevicate al di sopra dei 1000 metri.

Sulle regioni occidentali sarà velato ed altrove poco nuvoloso.

Il Centro

Sulle regioni peninsulari il cielo sarà molto nuvoloso. Piogge, rovesci sparsi ed anche nevicate sopra ai 500 metri sulle regioni adriatiche all’interno. Sul rimanente settore sarà velato.

Il Sud e le Isole

Sulla Campania e le aree interne del Molise la mattina molte nuvole compatte. Presenti anche piogge e temporali sparsi che si andranno estendendo dalla seconda parte della mattinata. Verranno investite anche le zone Tirreniche della Basilicata, della Calabria e della Sicilia. A partire dal pomeriggio ci sarà un aumento della nuvolosità compatta sulla Puglia garganica e sul resto del Molise. L’aumento della nuvolosità comporterà piogge o rovesci sparsi. Nelle zone interne del Molise sopra ai 500 metri sono previste delle nevicate.

Temperature, venti e mari

Le minime andranno in diminuzione in Toscana, in Umbria, nelle Marche, al Nord, nella Sardegna e nel Lazio centro settentrionale.

Sul resto del territorio sono in aumento. Le massime saranno in aumento sulle coste ioniche ed in diminuzione altrove. I venti saranno deboli al nord con rinforzi locali lungo le zone prealpine e alpine. Al centro saranno da deboli a moderati maggiormente sulle aree costiere. Ci saranno dei rinforzi sulla Sardegna. Al Sud generalmente moderati con dei rinforzi sulle aree tirreniche della Calabria, della Basilicata e della Sicilia. Il mare di Sardegna da molto agitato a grosso e dal pomeriggio ci sarà l’attenuazione del moto ondoso. Il Tirreno centrale, l’Adriatico settentrionale ed il mar ligure da agitati a molto agitati. Saranno agitati il canale di Sardegna, il restante Tirreno e lo stretto di Sicilia. A partire dal pomeriggio diventeranno molto agitati.

I restanti mari saranno da mossi a molto mossi.

Scrivi un commento

1000

Leggi anche