×

Pussy Riot – Putin senza pietà

Condividi su Facebook

Come si può chiedere a un regime come quello russo di essere clemente con tre ragazze, di cui due madri di bambini, che hanno urlato il proprio malcontento attraverso un microfono supportate da melodie punk? La Russia di Putin e oligarchia al seguito è una nazione dai tanti lati oscuri che non prevede assolutamente la pietà come possibilità di uscita, anzi si può diventare un buon esempio per reprimere qualcun altro che cerca di fare lo stesso, perché si sa che dopo una crepa nel muro, prima o poi, arriva anche la breccia. Le Pussy Riot sono in galera con l’accusa di teppismo e dovevano uscire il prossimo 24 aprile, ma non usciranno perché la lezione la devono imparare per bene e non provarci mai più a contestare il governo russo.

Inutili anche gli sforzi di Amnesty International.

Andrea Paolucci è l'autore di WUH! - Gorilla Sapiens Edizioni http://www.gorillasapiensedizioni.com/libri/wuh


Contatti:

1
Scrivi un commento

1000
1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
0 Commentatori
più recenti più vecchi
Elena Reidik

La cattedrale in questione è uno dei templi più sacri per la nostra chiesa. Con questo non oso sperare di rimendisionare la disinformazione dei media occidentali, ma provate a pensare che la stessa cosa (intendo la performance) fosse successa al Vaticano, per esempio. Non credo che la mia patria si sarebbe tanto indignata per la loro punzione.


Contatti:
Andrea Paolucci

Andrea Paolucci è l'autore di WUH! - Gorilla Sapiens Edizioni http://www.gorillasapiensedizioni.com/libri/wuh

Leggi anche