Strage Barcellona: identificata una terza vittima italiana
Strage Barcellona: identificata una terza vittima italiana
Esteri

Strage Barcellona: identificata una terza vittima italiana

carmen lopardo

Sale a tre il bilancio dei morti di nazionalità italiana nel terribile attentato di Barcellona: la vittima Carmen Lopardo, nata in provincia di Potenza e residente in Argentina

Purtroppo l’attentato di Barcellona ha procato la morte di tre italiani. E’ il bilancio aggiornato, dopo la conferma della morte di Carmen Lopardo, una donna di 80 anni nanta in un paesino della provincia di Potenza ma residente da ben 60 anni in Argentina. La sua è una storia di ordinaria immigrazione: una decisione presa quando aveva 20 anni, quella di lasciare il Belpaese e di spostarsi nel Sud America per realizzare i suoi sogni. Ma la sua vita si è fermata due giorni fa, spezzata da un furgone impazzito che, sulla Rambla di Barcellona, ha travolto decine di persone provocando la morte di 14 turisti, tre dei quali italiani.

E’ stato il Ministero degli Esteri argentino a dare per primo la notizia della sua morte: inizialmente Carmen si trovava nella lista dei dispersi ma purtroppo risulta tra le vittime. Alta 1,55 metri, della donna era stata diffusa una foto segnaletica, oltre ad una locandina con i suoi dati personali, nella speranza di velocizzare il suo ritrovamento.

Così non è stato: Carmen Lopardo si trovava a Barcellona in vacanza e come tanti altri turisti stava facendo una passeggiata pomeridiana sulla Rambla di Barcellona quando, intorno alle 17, un van bianco ha seminato morte su centinaia di metri della famosa strada della città catalana. La Lopardo aveva deciso di allontanarsi dal Sud America per godersi l’estate europea in un piccolo tour di vacanze che includeva anche Barcellona come una delle sue mete.

La conferma e le condoglianze del ministero degli Esteri Argentino

Il ministero degli Esteri argentino ha rilasciato una nota allo scopo di trasmettere le condoglianze “alla famiglia della signora Carmen Lopardo, 80 anni, cittadina italiana residente nel nostro paese da più di 60 anni. Nel momento del tragico attentato, la vittima si trovava a Barcellona da turista”. Il ministero ha anche sottolineato “la ferma condanna dell’Argentina al terrorismo in tutte le sue manifestazioni”.

Sono ore di lutto per l’Italia, nella giornata di ieri è arrivata la conferma della morte di Bruno Gulotta, 35enne informatico di Legnano (sono stati proprio i colleghi a confermane il decesso con un post sulla pagina Facebook dell’azienda). Poco dopo un altro lutto confermato: quello del neo ingegnere di 25 anni, residente a Bassano del Grappa, Luca Russo.

Anche la vita del ragazzo si è fermata sulla Rambla.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche