×

Vaiolo delle scimmie: il Belgio primo paese ad imporre quarantena

Il Belgio diventa il primo paese a introdurre la quarantena obbligatoria per il vaiolo delle scimmie: chiunque risulti positivo al virus deve isolarsi

Vaiolo delle Scimmie

Il Belgio diventa il primo paese a introdurre la quarantena obbligatoria per il vaiolo delle scimmie: chiunque risulti positivo al virus deve isolarsi. I medici hanno avvertito che ci sarà un “aumento significativo” dei casi nel Regno Unito nelle prossime “due o tre settimane“.

Vaiolo delle scimmie: il Belgio primo paese ad imporre quarantena

Il Belgio è il primo paese a introdurre una quarantena obbligatoria di 21 giorni contro il vaiolo delle scimmie, in quanto i medici hanno avvertito che ci sarà un aumento importante dei casi nel Regno Unito nelle prossime settimane. Le persone che contraggono il virus dovranno autoisolarsi per tre settimane, hanno affermato le autorità sanitarie, dopo che tre casi sono stati registrati nel Paese.

I casi sono tutti legati ad un festival nella città portuale di Anversa. La dottoressa Claire Dewsnap, presidente dell’Associazione britannica per la salute sessuale e l’HIV, ha affermato che l’epidemia potrebbe avere un “impatto enorme” sull’accesso ai servizi di salute sessuale in Gran Bretagna. Nella giornata di ieri, Sajid Javid ha rivelato che altri 11 britannici sono risultati positivi al virus, per un totale di 20 contagiati.

I casi includono un bambino in condizioni cliniche in un ospedale di Londra, mentre in Europa si sono registrate quasi 100 infezioni. Dewsnap ha spiegato che ci saranno più diagnosi nelle prossime settimane. “Quello che mi preoccupa di più è che ci sono infezioni in tutta Europa, quindi questo si è già diffuso” ha spiegato, aggiungendo che ci sarà un aumento significativo. L’infezione può essere trasmessa da un contatto molto stretto con una persona infetta.

Solitamente è lieve, con la maggior parte delle persone che guarisce in poche settimane senza trattamento. Può, però, rivelarsi fatale con il ceppo che causa l’attuale focolaio, uccidendo un infetto su 100.

Vaiolo delle Scimmie: la situazione

La malattia, che è stata trovata per la prima volta nelle scimmie, può essere trasmessa da persona a persona attraverso un stretto contatto fisico, come i rapporti sessuali. La dottoressa Dewsnap ha affermato di essere preoccupata per l’impatto del vaiolo delle scimmie sul trattamento di altre infezioni, in quanto il personale viene dirottato per affrontare l’epidemia, come è successo per il Covid. “Alcune cliniche che hanno avuto casi hanno dovuto consigliare alle persone di non entrare.Lo hanno fatto principalmente perché se qualcuno ha sintomi compatibili con il vaiolo delle scimmie, non vogliamo che le persone sedute nelle sale d’attesa possano potenzialmente infettare altre persone. Hanno implementato il triage telefonico in tutti quei posti” ha spiegato. La dottoressa Susan Hopkins, consulente medico capo dell’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito, ha spiegato che ogni giorno vengono rilevati altri casi.

Vaiolo delle Scimmie, non ci sono morti

In Gran Bretagna, le autorità stanno offrendo un vaccino contro il vaiolo agli operatori sanitari e ad altre persone che potrebbero essere state esposte. Fortunatamente non è morto nessuno per questa malattia. Il professor David Heymann, esperto di epidemiologia delle malattie infettive alla London School of Igiene & Tropical Medicinereste, ha spiegato che “quello che sembra accadere ora è che è entrato nella popolazione come forma sessuale, come forma genitale, e viene diffuso come lo sono le infezioni sessualmente trasmissibili, che ha amplificato la sua trasmissione in tutto il mondo”.

Contents.media
Ultima ora