Addio spray nasale, oggi c’è la tecnica Mit COMMENTA  

Addio spray nasale, oggi c’è la tecnica Mit COMMENTA  

 


Avete mai provato la fastidiosa sensazione di avere sempre il naso chiuso e di non riuscire ad avere sollievo neppure di notte utilizzando i comuni rimedi? Chi vi scrive per anni ha cercato di risolvere il problema della sinusite senza ottenere risultati soddisfacenti tramite i rimedi tradizionali, come per esempio gli spray nasali vasocostrittori. Una cattiva respirazione può provocare nel tempo conseguenze anche serie, come apnee notturne, raffreddori frequenti, cefalee, russamento e altri disturbi che riguardano le vie respiratorie. In più lo spray nasale causa dipendenza, favorisce un sollievo temporaneo solo utilizzandolo frequentemente. I disturbi respiratori colpiscono circa il 80% della popolazione, ma nella maggior parte dei casi questi non vengono risolti in maniera definitiva.

L’obiettivo del Prof. Gottarelli, medico chirurgo, è invece quello di fornire un metodo efficace e duraturo per risolvere i problemi che riguardano la respirazione. Per questo ha ideato e messo a punto il metodo Gottarelli, denominato rinoplastica globale e basato sulla applicazione integrata di tre tecniche chirurgiche: la rinoplastica strutturale, la turbinopastica inferiore modificata (MIT) e la rinoplastica vettoriale. Dopo aver effettuato una diagnosi puntuale e precisa del problema, si può procedere a questo innovativo intervento di chirurgia per risolvere i problemi respiratori, recuperando in pieno le funzionalità nasali. L’operazione ha una durata compresa tra i 60 e i 90 minuti, e già dopo una settimana il paziente può tornare alle sue attività abituali.

L’intervento viene eseguito nel totale rispetto dei protocolli di sicurezza in materia. Gli interventi del Professore vengono, da più di due anni, documentati da una telecamera che registra ogni fase dell’intervento e che è stata concepita dal Professor Gottarelli come doppia tutela, sia per il paziente che il medico.

Chi soffre di ipertrofia dei turbinati inferiori non respira come dovrebbe, ma con la tecnica Mit può recuperare una respirazione efficiente. Il libro “La turbino plastica inferiore modificata”, edito da Springer Verlag e tradotto in varie lingue, spiega nei dettagli in cosa consiste la tecnica Mit del Prof. Gottarelli e gli ambiti di applicazione. I risultati di tale metodo sono sicuri e soddisfacenti anche dal punto di vista estetico, poichè intervenendo sulle varie parti del naso lo si rende più gradevole nella forma. Niente più spray e tamponi, niente più palliativi, ma finalmente una soluzione definitiva, vagliata su circa cinquemila interventi eseguiti.

Articolo sponsorizzato

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*