Brasile: il portiere assassino torna in campo

Cronaca

Brasile: il portiere assassino torna in campo

Brasile: il portiere assassino torna in campo
Brasile: il portiere assassino torna in campo

In Brasile, la notizia del portiere assassino che torna in campo a giocare, scatena critiche e commenti che indignano.

Il portiere assassino che ha ucciso la sua fidanzata, torna a giocare, a dispetto delle critiche e nonostante sia nel mirino dei media.

E’ quanto sta succedendo in una squadra di calcio brasiliana. Il Boa Esporte, una squadra della città di Varghinha, nella serie B del Brasile, ha siglato un contratto con Bruno Fernandes, un portiere che ora è tornato in libertà dopo sei anni di carcere e che attende il processo d’appello.

L’uomo è stato condannato a un processo in primo grado a 22 anni e tre mesi in quanto ha ordinato il sequestro e l’omicidio dell’amante. L’uomo avrebbe chiesto di uccidere l’amante, per poi farla a pezzetti e infine darla in pasto ai suoi cani di razza rottweiler. L’amante in questione, si chiamava Eliza Samudio che lui ha rapito, ucciso e fatto a pezzi.

La donna è stata uccisa dopo aver partorito il figlio che lo stesso giocatore non ha voluto riconoscere.

Del corpo dell’amante non si sa nulla, ma a confessare è stato uno dei cugini del portiere, che è stato poi ucciso.

Il processo si riaprirà nuovamente e l’uomo può tornare a svolgere la sua professione di portiere. Ricordiamo che questo portiere è stato anche nel mirino di una squadra italiana, ovvero il Milan.

Il giovane si è detto molto soddisfatto di questa possibilità e queste sono state le sue prime parole: “Tutto bene grazie a Dio. Ora devo migliorare”. Ovviamente il Brasile, i tifosi e molti altri non sono d’accordo su questa situazione e decisione, al punto che molti sono indignati al punto che hanno espresso la loro opinione come una donna che dice: “Come donna, come attivista per i diritti umani è una notizia orribile. Siamo contro una squadra che mette sotto contratto un uomo responsabile di femminicidio” .

Qualcun altro pensa sia una buona idea come un commerciante che pensa sia un modo per ripulirsi da quanto successo e far vedere quanto vale.

Vedremo ora la Fifa come reagirà in merito e se prenderà provvedimenti oppure no.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche