Come dire ai tuoi che vai a convivere COMMENTA  

Come dire ai tuoi che vai a convivere COMMENTA  

Raccontare ai tuoi genitori vai a convivere con il tuo ragazzo non è diverso da qualsiasi altra conversazione. Anche se potrebbe essere una discussione difficile,non può essere evitata. Questo articolo fornisce alcuni suggerimenti di base e consigli su come dire ai tuoi genitori che vai a convivere con il tuo ragazzo.


L’onestà è la miglior politica:

Il primo e più importante suggerimento è quello di essere onesta e diretta. Vivere con un ragazzo è un grande passo, ma anche uno che mostra maturità e fa un balzo verso l’indipendenza e l’età adulta. Se vuoi che i tuoi genitori abbiano fiducia nella tua decisione è importante dimostrare che sei davvero un’ adulta matura,  che può prendere decisioni nella vita. Evitare di tergiversare o di litigare, dirlo in maniera semplice e non aggressiva, semplice e onesta. Non giocare e cercare di far finta che stai solo visitando la casa del tuo fidanzato.


Giustificarlo con maturità:

In secondo luogo, giustifica la tua decisione, dicendo: “lo facciamo perchè ci amiamo, andiamo d’accordo meravigliosamente e riteniamo che questo sia il miglior passo successivo per il nostro rapporto”.  Come un bambino entra età adulta alcuni genitori non vogliono il nido vuoto e cominciano a diventare appiccicosi e paranoici. Assicura i tuoi genitori che vivere con il fidanzato non significa che non vedrai più spesso.


Fai conoscere il tuo fidanzato:

Infine, presenta il tuo ragazzo in modo adeguato prima di raccontare ai tuoi genitori vai a vivere con lui. Se sanno che il tuo ragazzo è un bravo ragazzo che ti tratta bene e ti rende felice, sono molto meno propensi a temere la tua scelta di andare a vivere con lui.

L'articolo prosegue subito dopo


Anche se questi suggerimenti offrono semplici consigli sarete sorpresi di quanto sia più facile raccontare i tuoi genitori che vai a vivere con il tuo ragazzo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*