Dove comprare fuochi d'artificio ecologici

Dove comprare fuochi d’artificio ecologici

Guide

Dove comprare fuochi d’artificio ecologici

Fuochi d’artificio eco-compatibili o ecologici, un valido sostituto di quelli tradizionali inquinanti: su Fuochionline.it potete acquistarne una vasta gamma per un Capodanno all’insegna dei botti e della sostenibilità ecologica

Si sa che per le festività natalizie e con l’avvicinarsi del Capodanno, sempre più richiesti sono i fuochi d’artificio che vengono sparati nelle Piazze delle principali città italiane per salutare il nuovo anno e per augurarsi, facendo buoni propositi, che l’anno venturo sarà migliore di quello appena concluso. Il Direttore esecutivo dell’American Pyrotechnics Association, Julie Heckman, ha stimato che solo il 4 luglio in tutti gli States of America vengono sparati ben 18.000 fuochi d’artificio per fare eventi pirotecnici dai colori accesi e dai rimbombi tuonanti. Ed anche per il 31 Dicembre è probabile che la stima sia più o meno la stessa in ogni Stato del mondo. Secondo il Consiglio Nazionale per la sicurezza dei fuochi d’artificio, gli USA hanno impiegato per lo scorso anno ben 123 milioni di Kg di fuochi d’artificio, di cui solo il 10% era “legale”, mentre i rimanenti botti sono stati acquistati sulle bancarelle e presso venditori ambulanti.

I fuochi d’artificio sono azionati da polvere da sparo, costituita da ossidante e combustibile (nitrato di potassio e dal carbone) con l’addizionante dello zolfo che assolve ad una funzione di “acceleratore”.

Per comprendere quanto siano “inquinanti” i fuochi d’artificio è bene approfondire la questione: per la misurazione ad hoc delle emissioni dei gas ad effetto serra, l’unità di misura standard da prendere in considerazione è la tonnellata. Tenendo conto che 270 gr di polvere da sparo creano 132 gr di biossido di carbonio siamo in grado di creare il quoziente ovvero 0,49; questo rapporto deve essere moltiplicato per il volume in tonnellate dei fuochi d’artificio impiegati per fare gli spettacoli pirotecnici. Ciò consente di comprendere il livello di inquinamento e di sostanze inquinanti che vengono emesse nell’atmosfera. Anche i composti utilizzati per creare le tonalità cromatiche abbaglianti e gli effetti luminosi possono contenere metalli pesanti ed altre tossine che contaminano l’acqua, la terra e l’aria; lo zolfo presente nell’aria al momento dello scoppio cagiona danni di non poco conto per gli asmatici e per chi soffre di patologie polmonari gravi.

Da questa necessaria premessa e considerazioni, è bene comprendere che i fuochi ecologici o ecocompatibili come validi sostituti di quelli tradizionali.

La composizione dei fuochi d’artificio ecologi è assolutamente differente: la nitrocellulosa, non rende necessaria la presenza di perclorato (dannoso per la salute umana) per ottenere gli effetti luminosi.

Darren Naud, esperto dei DMD systems, ha dichiarato sul Chemical & Engineering News: La nitrocellulosa è probabilmente uno dei migliori ingredienti con una minor quantità di fumo emessa. Brucia con poco fumo e non c’è alcuna caduta di residui di combustione dannosi per la salute.C’è solo biossido di carbonio, acqua e azoto”.

Sul sito online Fuochionline.it è possibile reperire i migliori fuochi d’artificio ecologici a prezzi convenienti. L’azienda FRISCIRA FIREWORKS (Pirotecnica Jonica) nasce nel 1987 per opera del giovane imprenditore Cav. Pierdaniele Friscira che ha voluto riprendere l’attività del nonno paterno, abbandonata dai figli dopo la morte del vecchio maestro soprannominato “Pietro U Gagga” e riconosciuto in Puglia e nelle regioni limitrofe come il più esperto e qualificato pirotecnico del Meridione. Sin dai primi spettacoli si è subito distinto per le novità proposte utilizzando tecnologie e attrezzature più moderne, conscio della delicatezza e pericolosità degli artifizi, selezionando i prodotti in base alla loro affidabilità e qualità e grazie alla presentazione di nuovi e suggestivi effetti.

Inoltre, negli ultimi due anni l’azienda ha esteso il suo raggio d’azione, riconquistando il mercato dei comitati feste patronali ormai monopolizzato da aziende napoletane e salernitane e allestendo spettacoli importanti nel Settentrione ripresi dalla Rai.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*