Furbetti del cartellino: licenziamento in tronco

Furbetti del cartellino: licenziamento in tronco

News

Furbetti del cartellino: licenziamento in tronco

Furbetti del cartellino

Provvedimento drastico del governo contro i “furbetti del cartellino”. Illustrato nei minimi dettagli il provvedimento appena varato dal governo.

Un provvedimento varato dal governo renderà dura la vita ai “furbetti del cartellino“. In conferenza stampa, il ministro della P.A, Marianna Madia, ha illustrato nei minimi particolari il nuovo provvedimento. Nel nuovo testo si prevede il licenziamento immediato dei furbi del cartellino con la sospensione del lavoro che avverrà entro sole 48 ore.

La conclusione anticipata del rapporto lavorativo sarà disposta entro un mese dall’accertamento dell’abuso nell’uso del cartellino. Norme drastiche ma corrette, che restituiscono dignità a tutti quei dipendenti pubblici che lavorano onestamente e in modo produttivo per il bene collettivo. Anche Matteo Renzi ha tributato un plauso all’iniziativa del governo che rappresenterà una sorta di ‘anno zero’ nei rapporti di lavoro tra dipendenti della pubblica amministrazione. ‘Da ora in poi si va a casa – ha dichiarato Renzi in conferenza stampa – se un dipendente timbra e va via può essere sospeso entro 48 ore e licenziato in un mese’.

Lo scandalo del cartellino ha avuto le sue espressioni più vergognose nel comune di Sanremo, dove decine di dipendenti comunali sono stati sorpresi a timbrare per poi dedicarsi agli hobby personali.

Un comportamento avvilente, quello dei furbetti del cartellino, che ha suscitato indignazione in seno all’opinione pubblica. Soprattutto in un periodo di forte crisi occupazionale, i privilegi di cui godono i dipendenti pubblici appaiono sempre più uno sproposito. Il provvedimento approvato dal governo segnerà un cambio radicale nella pubblica amministrazione, che non tollererà ancora abusi e negligenze da parte dei propri dipendenti.

Renzi ha definito il nuovo provvedimento contro i furbetti del cartellino una manovra per semplificare ‘la vita dei cittadini’. Gli italiani hanno ancora in mente le riprese che hanno immortalato il dipendente pubblico del comune di Sanremo che in mutande, timbrava il cartellino per poi dileguarsi. Scene alle quali – si spera – difficilmente assisteremo ancora.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche