Il declino delle Api? (Teorie e analisi scientifiche)

Guide

Il declino delle Api? (Teorie e analisi scientifiche)

In California, che è una delle regioni più ricche di produzione agricola al mondo, il declino delle popolazioni di api è in corso già da due decenni. Le api sono fondamentali per la distribuzione di polline a milioni di alberi da frutto e varie altre colture orticole perciò il loro declino sta pregiudicando all’ America 15 miliardi di dollari nell’ industria delle colture alimentari.

In passato, le api erano note per essere minacciate da acari, virus e tossine ambientali come i pesticidi. Ma a un certo punto, anche le trasmissioni dei telefoni cellulari sono state accusate per l’ evidente declino delle popolazioni di api.

Il disturbo più recente secondo il “Time Science”, è chiamato Colony Collapse Disorder (CCD). Con CCD, le api operaie infatti scompaiono senza che i loro corpi siano ritrovati. Nel corso degli ultimi due anni, 1/3 di tutte le colonie è crollato in questo modo. La teoria è che una “tempesta perfetta” di virus e malattie naturali stiano decimando le colonie.

Due virus noti sono: il virus Deformed Wing e il virus israeliano della paralisi acuta. Questi sono esempi di virus noti per danneggiare i ribosomi dell’ape. In questo modo è facile per qualsiasi attacco virale uccidere l’ape, e il problema ribosoma è un fattore costante che è stato identificato in tutti gli alveari CCD.

Uno sviluppo delle ricerche ha portato alla conoscenza del genoma dell’ ape, completamente decodificato dagli scienziati. I geni che lavorano nell’intestino delle api sono quelli che aiutano a elaborare le tossine e per attivare le difese immunitarie.

La “Scientific American” ha discusso la questione ribosoma con un team guidato da May Berenbaum, PhD, presso la University of Illinois a Urbana-Champaign nel 2009. Un rappresentante della squadra ha detto che i virus fanno a pezzi i ribosomi e che:

“I ribosomi producono le proteine che permettono alle api di rispondere ai pesticidi, alle malattie e alla cattiva alimentazione. Così i frammenti ribosomiali che stavamo trovando spiegano un sacco di cose. Il CCD sembra essere causato da tutto ciò. E infatti, una volta che i ribosomi cessano di funzionare correttamente, allora nulla può fermare le api dal morire.”

Gli “Acari della varroa” stanno prendendo gran parte della colpa, perché sono noti per portare i virus nelle arnie che attaccano.

La buona notizia è che l’incidenza di CCD è in declino, circa del 30% al di sotto dei livelli raggiunti durante la crisi. Questo può essere dovuto al fatto che le api più vulnerabili sono state spazzate via e che i ceppi più resistenti sono stati in grado di sopravvivere.

Un altro problema con le popolazioni di api in declino è che tendono a formare le arnie nelle zone residenziali, occupando le soffitte. Quando questo accade, il Web Garden Village incoraggia i proprietari di casa a prendere contatto con un apicoltore professionista o uno sterminatore che è anche un apicoltore. Gli apicoltori possono fare del fumo e raccogliere le api, così costose e preziose, per poi metterle di nuovo al lavoro d’ impollinazione nelle coltivazioni alimentari della zona.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...