Io e l’alcol: 10 anni sobrio COMMENTA  

Io e l’alcol: 10 anni sobrio COMMENTA  


Andy Mayer è libero dall’alcool da 10 anni, e continua a migliorare. Qui, scrive il paradosso della dipendenza: stare senza alcol è qualcosa che nessuno può fare per voi – eppure non si può farlo da soli.

“Per 40 anni ho pianificato l’alcol nel mio diario, facendo attenzione che sarebbe stato prima, dopo e di solito durante un qualsiasi evento significativo. Solo molto raramente l’ho escluso”.

Quando ho scritto quel paragrafo non consumavo l’alcol da sette mesi e mi sentivo bene. Se apprezzate le mie perplessità probabilmente siete un alcolizzato. I tentativi falliti di smettere di bere mi avevano portato all’unità di dipendenza presso l’ospedale Priory, Roehampton. L’alcool è stato il mio gemello siamese e non volevo separarmi.


E così, con incredulità stupito, ho scritto sulla mia esperienza dell’alcolismo e di come sono stato sette mesi senza bere. Non pensavo allora che avrei passato altri dieci anni e non avrei potuto immaginare ciò che avrei potuto fare in quegli anni. Ecco come è stato. Se l’alcol è la causa di difficoltà, continuate a leggere. Se non si desidera saperne di più allora il problema potrebbe essere più grande di quanto si pensi.


In riabilitazione è importante: l’astinenza può essere OK se tutto quello che stai facendo è riabilitare se stessi, ma cosa succede quando si esce fuori di qui per un compleanno, un funerale, matrimonio, vacanza o si deve andare fuori per un pasto, o – più scoraggiante di tutti – ballare in pubblico? Sobrio.

L'articolo prosegue subito dopo


L’alcol può rendere tutte quelle occasioni più facili e divertenti, ma il suo abuso camuffa i veri sentimenti. Dopo un paio di settimane senza bere le mie percezioni hanno iniziato a diventare più chiare. Risate, tristezza, l’arte, la natura mi ha commosso di più. Nel corso degli anni, l’alcool aveva furtivamente chiuso le porte della percezione, ora erano aperte di nuovo.

Più sorprendente, questo miglioramento continua a migliorare. All’inizio del mio recupero, un alcolista libero da 14 anni mi ha detto: “Si continua a migliorare.” Ho trovato nel corso degli ultimi dieci anni che aveva ragione.

Il Priorato mi ha suggerito di andare regolarmente alle riunioni degli Alcolisti Anonimi. Ero terrorizzato che, al di fuori dello scudo protettivo della struttura ospedaliera, sarei scivolato indietro nelle edicole per una confezione da sei di super-sidro, così ho fatto come mi è stato detto. Andare dagli AA può sembrare un po’ strano all’inizio, ma le sue peculiarità non sono superficiali. Trovo che la volontà collettiva del gruppo a mantenersi senza alcol aiuta a tenermi il rischio di scivolamento e l’ascolto di storie di altri alcolisti mi ricorda quanto sia semplice perdere quello che ho vinto. Gli incontri AA sono luoghi tranquilli e sicuri.

Gli AA non piacciono a tutti. Ma, anche se hai deciso che non è per voi, avrete ancora bisogno di aiuto. E’ un paradosso della dipendenza, è qualcosa che nessuno può fare per voi – non si può farlo da soli. Sono stato estremamente fortunato ad avere il supporto straordinario di mia moglie, Tess, e gli amici. Tess va a Al-Anon – il gruppo di sostegno per persone le cui vite sono state colpite da alcolisti.

Se non avete vicino il supporto di qualcuno non dovrete andare lontano per trovarlo. Bere l’alcol si fa da soli, ma il recupero non lo è. Ho trovato persone che mi hanno dato comprensione e incoraggiamento. Sembravano orgogliose del mio risultato e mi hanno fatto sentire che avevo fatto qualcosa di impressionante e che ne vale la pena.

Anche ora che sogno di bere, il bere era così importante per me per tanto tempo. Ma non sono dolci sogni e mi sveglio veramente sollevato che un sogno è tutto ciò che era. E spesso, durante i sogni dove sto bussando di nuovo all’alcol come se fosse ieri, il mio inconscio sta pensando – questo non è quello che faccio. Questo non sono io.

Dieci anni fa ho scritto, ‘Non posso credere che sto scrivendo questo, ma essere controllato dall’alcol è così terribile che persino rinunciare a bere ti fa sentire sempre meglio.’

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*