Leo Messi e il padre condannati a 21 mesi per frode fiscale COMMENTA  

Leo Messi e il padre condannati a 21 mesi per frode fiscale COMMENTA  

Messi condannato per frode fiscale
Messi condannato per frode fiscale

Leo Messi e il padre condannati a 21 mesi per frode fiscale da 4,1 milioni, lo conferma il giornale El Periódico de Catalunya.

Leo Messi e il padre Jorge Horacio sono stati condannati a 21 mesi di carcere. Il piede d’oro del Barcellona, dopo la brutta figura in Copa América, seguito dall’abbandono della nazionale di calcio argentina, è ancora nei guai.


Condannato in primo grado dalla corte spagnola, Messi deve al fisco quasi 4,1 milioni di euro. Il calciatore è stato condannato per non aver pagato le tasse sul diritto di immagine nel periodo 2007-2009, consigliato dal padre Jorge.


A sua discolpa, Messi afferma che in quel periodo non era consapevole delle carte firmate, era solo impegnato a giocare. La troppa fiducia nei suoi avvocati ha causato una condanna a 21 mesi per frode. Tuttavia, Messi e suo padre eviteranno la detenzione: il tribunale spagnolo non prevede la detenzione in carcere con pene inferiori ai 24 mesi.


La difesa di Leo non è servita a evitare la condanna. La notizia, pubblicata in esclusiva dal quotidiano di Barcellona El Periódico de Catalunya, si è diffusa rapidamente in tutto il mondo.

L'articolo prosegue subito dopo

Il Club catalano annuncia, tramite i suoi portavoce, di sostenere il calciatore e la sua famiglia. L’Agenzia dell’Entrate spagnola afferma che chiunque, anche un bambino, avrebbe capito che quella che Messi e Jorge stavano facendo si trattava di una vera truffa fiscale.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*