Mafia: boss accusato di atti sessuali con minorenne, lo portava con le prostitute

Cronaca

Mafia: boss accusato di atti sessuali con minorenne, lo portava con le prostitute

Rischia il processo per atti sessuali con minorenne, il boss palermitano che si è vantato davanti alla sua cricca della virilità del figlio di appena 4 anni.

Il pm e il procuratore aggiunto di Palermo, Salvatore de Luca, sta valutando se aggravare la pena, visto che è emerso che il padre ha obbligato il figlio a mostrare in pubblico la propria erezione, per confermare la virilità della famiglia.


In un’altra occasione, sempre secondo la Procura che si occupa del reato, il mafioso avrebbe portato il bimbo nei suoi giri notturni sulle strade palermitane popolate da prostitute. Sembra sia stato intercettato nella zona dello Stadio e attorno al Foro Italico.

L’udienza

L’udienza preliminare per il capo ha già preso il via davanti al GIP Lorenzo Jannelli.Nel fascicolo, a raccontare le esperienze vissute dal bambino, ci sono le intercettazioni nelle quali emerge che l’indagato avrebbe detto al figlio di mostrare la sua “virilità” anche davanti ad alcuni amici mafiosi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...