Modem wi-fi: le 10 migliori marche

Tecnologia

Modem wi-fi: le 10 migliori marche

modem

Siete alla ricerca di un modem wi-fi, magari provvisto di router e dalle prestazioni efficienti anche in condizioni critiche? Ecco quello che fa per voi.

Il ruolo dei modem wi-fi oggi

Viviamo in un mondo iperconnesso, inutile negarlo. E la connettività esasperata, anche in mobilità, fa parte del nostro vivere quotidiano, o poco meno. D’altronde, non stiamo facendo nulla per liberarcene, e anzi, tendiamo ad amplificare la portata e le performance degli strumenti che ci mettono in condizione di assumere questo preciso stile di vita. Ma in questa sede non siamo chiamati a fare sociologia, bensì a parlare di tecnologia, percui fermiamoci agli strumenti. Uno di questi è il router wi-fi, e ne abbiamo già parlato proprio su queste pagine. Un altro, della medesima famiglia, è il modem wi-fi, ovvero quello strumento che ci consente di mettere in comunicazione un dispositivo elettronico – dal PC allo smartphone – con la rete Internet tramite connessione senza fili.

Non che il modem wi-fi sia esattamente centrale all’interno del complesso delle abitudini telematiche dell’utente medio. Ma, dati alla mano, il suo utilizzo sta divenendo sempre più diffuso e richiesto, specialmente da coloro che vivono l’eventualità di rimanere, anche solo per un breve periodo, disconnessi dalla rete come un vero e proprio incubo.

Si tratta, dunque, di un gadget elettronico i cui livelli di consumo – e di conseguenza di produzione – sono in costante ascesa. Arriverà il momento in cui il modem wi-fi diverrà un oggetto di consumo quotidiano, come lo stesso cellulare? Forse no, ma sicuramente è destinato a seguirne la scia, per quanto a distanza.

Caratteristiche di un buon modem wi-fi

Ma quali sono le principali prerogative che un modem wi-fi di buona qualità dovrebbe possedere per essere considerato tale? Il numero di porte disponibili è una delle prime prerogative che andrebbero prese in considerazione, dal momento che da quel numero dipende il numero di dispositivi che è possibile collegare via cavo all’apparecchio: infatti, pur assicurando una connessione senza fili, la duttilità è una caratteristica non secondaria di un buon modem wi-fi; e la possibilità di utilizzarlo anche come apparecchio stanziale non va assolutamente trascurata. La combo delle porte disponibili, oltre alle classiche Ethernet e USB, dovrebbe contenere anche le più evolute porte Gigabit, che determinano una velocità di trasferimento dati nettamente superiore rispetto alle porte Ethernet (1000 megabit contro 100, praticamente non c’è confronto). Anche la classe della connessione wi-fi va considerata: questa infatti determina a sua volta la velocità della connessione.

La classe B arriva a un massimo di 11 MB al secondo di traffico dati, la classe G supporta un massimo di 54 MB al secondo, e infine la classe N che offre le performance migliori, fino a 300 MB al secondo. Di conseguenza, se si sottoscrive un contratto di fornitura di servizio wi-fi ad alta velocità, ad esempio un 3G o un 4G, deve puntare quasi obbligatoriamente a una classe N.

Acquisti online

Date queste caratteristiche, si può tranquillamente affermare che i modem wi-fi sono tra i dispositivi più sicuri nell’ambito degli acquisti online. In linea generale, le schede tecniche di simili apparecchi sono più che esaustive in un’ottica di descrizione del prodotto, e all’interno di esse è pressoché scontato trovare un numero sufficiente di informazioni in merito al numero di porte e alla loro tipologia, alla classe della connessione wi-fi e ad altri fattori dirimenti che prendono direttamente in esame la qualità dell’apparecchio.

Sempre parlando in linea generale, non importa più di tanto se l’acquisto viene effettuato su portali di ecommerce specializzati in computer e telefonia, oppure su siti di acquisti online generalisti: i marchi e i modelli sono grossomodo gli stessi. E proprio a proposito di marchi e modelli, nelle righe che seguono abbiamo isolato dieci delle migliori marche di modem wi-fi e scelto dei modelli che ne rappresentano in maniera oltremodo paradigmatica ed esemplificativa il catalogo.

– TP-Link Archer D2

Come molti – non tutti, ma la maggior parte – degli apparecchi moderni, anche questo incorpora modem e router, e dunque la possibilità di smistare il segnale del traffico di dati che passa lungo la linea telefonica a diversi terminali, non solo computer (pensiamo a dispositivi POS, agli stessi telefoni fissi, ai fax). Nello specifico, questo apparecchio dalla linea accattivante – bella la scelta del colore nero lucido – e dalla struttura centrale molto sottile offre prestazioni più che dignitose, nei termini di una velocità di trasmissione dei dati molto sostenuta, merito del sistema dual band simultaneo a 300 MN per secondo a 2,4 GHz e 433 MB per secondo a 5 GHz.

Possiede una RAM interna di 4 GB, che la mette al riparo da stalli e intasamenti di sorta.

– AVM FRITZ!Box 7490 International

Con la simpatica forma di un’astronave prelevata direttamente da un telefilm di fantascienza degli anni sessanta, e con il suo caratteristico aspetto cromatico dato dalla fusione di dominante rossa e finiture grigie, questo apparecchio è in realtà molto più serio e dedicato di quanto si pensi. Al punto di renderlo uno dei migliori modem wi-fi di fascia media disponibili attualmente sul mercato. Supporta il protocollo ADSL2+ e presenta ben 4 uscite Gigabit. Insomma, sembra proprio che questo affarino di neanche mezzo chilo di peso sia in grado di offrire prestazioni al di sopra delle migliori aspettative degli utenti medi. Sarà vera gloria?

– Netgear D6400-100PES AC1600

Anche questo apparecchio incorpora – d’altronde, le esigenze di oggi lo rendono necessario – modem e router, e oltre a un processore dual core capace di raggiungere il 400 MHz di velocità offre prestazioni elevate sotto ogni altro punto di vista, e in ciò comprendiamo sia la più totale compatibilità con ogni protocollo di connessione con e senza fili fino a 1300 MB al secondo, sia la presenza di ben 4 porte Gigabit, con le quali raggiungere le velocità di trasmissione dei dati più sostenute.

Il consiglio, dunque, per ottimizzare le risorse di questo prodotto che comunque anche senza fili offre performance più che ragguardevoli, è di procurarsi in ogni caso un cavo per il collegamento diretto a una delle porte e utilizzare l’apparecchio con tale configurazione ogni volta che ne avete la possibilità: non ve ne pentirete. Ultimo dettaglio, solo apparentemente trascurabile: il design è quantomeno curioso, ma tutto sommato ergonomico, e trattandosi di un prodotto da trasferta, anche l’aspetto esteriore ha il suo peso specifico nell’ottica di una valutazione complessiva.

– Asus DSL-AC52U

Dalla pantagruelica – a livello produttivo – azienda multitasking con sede a Taiwan, un prodotto che possiamo definire senza tema di smentite, e a dispetto di un prezzo tutto sommato non clamoroso, di gamma top. Con le dovute cautele, certo, ma siamo in una zona che rasenta la perfezione, almeno per quanto riguarda la completezza delle funzioni e delle opzioni a disposizione dell’utente e la loro effettiva capacità di impattare in maniera positiva sull’utilizzo “sul campo” dell’apparecchio. Parliamo pur sempre di un dual band con appena un’uscita USB ma ben quattro uscite Gigabit, capace di supportare tanto il wi-fi più spinto quanto il cablaggio ad altissima velocità, compresi il protocollo ADSL2+ e la fibra. Il design, diciamolo pure, non è il massimo della vita, con quei motivi sulla parte superiore che richiamano il tartan scozzese, ma se si riesce a passare sopra la componente estetica ci si ritrova tra le mani un prodotto che vale sicuramente più di quanto costa.

– D-Link DSL 2750B

In questo caso si tratta di un modello economico, ma capace di nobilitare come pochi altri la propria fascia di prezzo: se vogliamo, possiamo definirlo un piacevole equivoco, nel senso che se pensate di acquistare con esso un apparecchio capace si soddisfare solamente le esigenze più basilari richieste a questa famiglia di prodotti vi sbagliate di grosso. Questo dispositivo, infatti, supporta fino al protocollo ADSL2/2+ e pur non disponendo di porte Gigabit ha delle uscite Ethernet ad altissima velocità che ne surrogano in maniera ottimale le prestazioni. Forse non sarà il massimo per quanto riguarda zone in cui il segnale wi-fi è debole, ma per un utilizzo, diciamo così, più urbano, assolve ottimamente il proprio compito.

– Afoundry Q500

Questo marchio, tuttora poco conosciuto, viene dalla Cina (il suo nome per intero è Shenzhen Afoundry Electronic.Co. LTD, e contiene anche il nome della città ove risiede il quartier generale dell’azienda), e non è ancora molto famoso all’estero. Tuttavia, promette di far parlare a lungo di sé, grazie a una gamma di prodotti che – in linea con un po’ tutto l’hi-tech cinese di ultima generazione – promettono di coniugare in maniera ottimale prestazioni di livello medio-alto e costi accessibili. Non fa eccezione questo modem con router incorporato, capace di raggiungere i 1200 MB al secondo tramite LAN, ma in grado di fornire ottime prestazioni in termini di velocità anche nella sua configurazione senza fili. Come un po’ tutte le aziende di elettronica cinesi, si risparmia sui materiali non direttamente coinvolti nel funzionamento del core engine – per essere chiari, la scocca è un plasticone bianco perlaceo francamente dimenticabile, e le antenne hanno bisogno di un minimo di cura, dato che non sono solidissime -, per garantire il maggior coefficiente possibile a livello di hardware. Tutto sommato, sarebbe stato più disdicevole il contrario.

– Sitecom N600

Altro prodotto per navigare in classe economica, questa volta sì, pienamente compreso del suo ruolo di apparecchio low budget e dalle prestazioni limitate. Il che non significa affatto che sia un prodotto scadente, anzi: se avete bisogno di una connessione senza pretese di superpotere potete puntare senza timori di sorta su questo apparecchio, sicuri che, nel pur ristretto perimetro delle sue qualità performative, non vi tradirà. Si tratta pur sempre di un solido e affidabile dual band con uscite Gigabit, con processore capace di viaggiare fino alla non disprezzabile frequenza di 700 MHz. Anche il design è stato curato a dovere: il case bianco è, in questo caso, molto elegante, e completa il tutto lo zoccolino per fargli mantenere una posizione eretta.

Vodafone R205

Da una delle principali compagnie telefoniche operanti in Italia, un prodotto che rappresenta un po’ la quintessenza di ciò che vuol dire realizzare un apparecchio in mobilità (d’altronde, se non lo sanno loro…), coniugando linee ergonomiche e funzionalità “blindate” anche in casi di spostamenti prolungati. Piccolo ed essenziale, ha l’aspetto di un iPod ma garantisce tutte le funzionalità per connessioni wi-fi (è stato pensato appositamente per quello, niente cavetteria dunque) di cui avete bisogno. Ottima l’interfaccia completamente digitalizzata sul piccolo schermo (cui, a voler essere pignoli, avrebbero potuto aggiungere qualche colore).

– Huawei E5330 3G

Venduto con scocca sia bianca che nera, questo prodotto di fascia media del colosso cinese supporta fino al protocollo 3G, e questo è senza dubbio un limite. Tuttavia, per quello che è il suo ambito di competenza, riesce ad assolvere ogni compito senza rischi di stalli o sovraccarichi, anche in casi di moltitudini di dispositivi collegati. Altra caratteristica niente affatto trascurabile, per quanto riguarda questa specifica tipologia di prodotti: la batteria ai polimeri di litio ha una durata considerevole, e assicura costanza di prestazioni anche quando la carica è vicina all’esaurimento.

– Linksys XAC1900

Prodotto dall’azienda californiana, oggi proprietà della Cisco Systems, è un modem completo di router di fascia alta (il prezzo non mente), che proprio in virtù di ciò offre una gamma di funzionalità completa e agli standard più alti tra quelli concessi dalla tecnologia di oggi. Dotato di due porte USB (2.0 e 3.0) e di ben quattro porte Gigabit, supporta qualsiasi protocollo di trasmissione dati, con e senza fili. Le antenne sono regolabili, e malgrado ciò sufficientemente solide e stabili. Adatto anche a lunghi e impervi spostamenti (il peso trascurabile, di poco superiore al mezzo chilo, e le forme egonomiche aiutano), sebbene riesca a dare decisamente il meglio in una situazione quanto più possibile stanziale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche