Radio Maria: “Terremoto punizione per unioni civili”

News

Radio Maria: “Terremoto punizione per unioni civili”

Radio Maria ha affermato che il terremoto che ha colpito l’Italia negli ultimi giorni e anche quello di agosto, sarebbe una punizione.

Secondo il conduttore dell’emittente radiofonica, sarebbe questa la ragione in base alla quale la terra non smette di tremare da mesi per un terremoto che ha provocato ingenti danni alle strutture, alle attività e ha mietuto moltissime vittime.

Sono le dichiarazioni fatte dai conduttori dell’emittente radiofonica, i quali ammettono che il terremoto è un castigo in seguito al peccato originale. Reputa le unioni civili offese alla famiglia e ai diritti della famiglia e il cielo ha voluto punirci con il terremoto, considerato un castigo divino.

L’emittente, il cui direttore è Padre Livio Fanzaga, non è la prima volta che lancia provocazioni di questo tipo. All’indomani dell’approvazione delle unioni civili per quanto riguarda la Legge Cirinnà, hanno lanciato uno slogan: “Brindiamo alla signora, al Prosecco e arriverà anche il funerale” come a dire che loro non sono d’accordo con questa legge e le unioni civili.

Per quanto riguarda il terremoto dell’Abruzzo nell’aprile 2009, l’emittente disse che era un modo per testimoniarli, renderli partecipe del dolore e della compassione cristiana, a una settimana dalla Pasqua.

Secondo l’emittente, ogni catastrofe e terremoto è un volere teologico, come se il Signore volesse ricordarci della sua presenza e del dolore subito.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche