Roma 2024. Malagò, già spesi 13 milioni COMMENTA  

Roma 2024. Malagò, già spesi 13 milioni COMMENTA  

Roma 2024. Malagò, spesi 13 milioni

Giovanni Malagò, conti alla mano sostiene che per Roma 2024 siano stati già spesi 13 milioni e sono soldi non recuperabili.

“Fino al 3 febbraio non cambierà più nulla. E’ la fine”, sostiene il capo dello sport italiano.

Malagò spiega che “Siamo arrivati a fine corsa. Ci poteva essere un piano B.

Andare avanti a prescindere dal Comune, ma l’abbiamo scartato. La rinuncia di Roma, peraltro, pregiudica altre candidature. IlCio è diffidente nei confronti della politica italiana e di chi cambia idea.

Ad ogni modo, prima bisognerà vedere se per il 2024 vinceranno Parigi o Budapest, che sono europee, oppure Los Angeles, che è americana”.
“Io ho sperato fino all’ultimo e quando ho capito che non c’era più nulla da fare  non ho pianto ma mi sono commosso.

L'articolo prosegue subito dopo

Non erano lacrime, forse qualcosa di peggio”.E ancora il Presidente aggiunge :  “Viste le motivazioni date in tema di Olimpiadi, credo onestamente che sullo stadio della Roma qualche contraddizione ci potrà essere”. Malagò, intervistato a Radio 24 così ha concluso:”Io sono un fautore di ogni realizzazione di infrastrutture sportive. Di discorsi legati a cubature non mi voglio occupare. Ogni società deve avere un suo stadio”.

Una parola da buon tifoso Malagò la spende anche per Totti: “Non sarei così sicuro che questo sarà il suo ultimo anno.Ho letto che sta pensando di fare l’allenatore. Per me come per tanti  è stata una novità. Come sarà la Roma senza di lui? Uno ad un certo momento ci si deve abituare”.

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*