Romania – Svizzera: le probabili formazioni COMMENTA  

Romania – Svizzera: le probabili formazioni COMMENTA  

Le probabili formazioni di Romania – Svizzera saranno decisive per quanto riguarda la seconda gara degli Europei 2016: da un lato gli uomini di Iordănescu tenteranno di compiere un autentico miracolo, mentre Petkovic sarà totalmente interessato a far entrare gli elvetici nella storia, perché non hanno mai conseguito due successi di seguito in una competizione europea.


Sarà un match molto delicato poiché da questo momento in poi cominceranno a delinearsi i primi scenari possibili di qualificazione, nonché sulle possibili terze che più avanti potranno disputare gli spareggi.

La Svizzera, forte del successo contro l’Albania, vuole continuare ad imporre il modulo tattico di gioco contando di verticalizzare gli schemi attraverso le giocate di Shaqiri e Dzemaili. In difesa si punterà alle grandi ripartenze dello juventino Lichsteiner. Vediamo nel dettaglio quale sarà la migliore tra le possibili formazioni:

(4-2-3-1): Sommer; Lichtsteiner, Schar, Djourou, Rodriguez; Xhaka, Behrami; Shaqiri; Dzemaili, Mehmedi; Seferovic.


Il pronostico non vede esattamente favorita la squadra romena, eppure nonostante la buona prestazione contro la Francia, la selezione ha tutto il diritto di crederci. Salvo imprevisti dunque, Iordănescu confermerà l’undici partito titolare nel match d’apertura del torneo. Tuttavia almeno nella coppia d’attacco ci potrebbero essere due sostituzioni importanti: questo per via della delicatezza di questo scontro. Si fanno i nomi di Alibec e Torje contesi per il ruolo di Andone, e non sarà da meno anche uno dei giocatori più esperti della squadra, Keseru, tenuto in panchina contro la Francia. Vediamo nel dettaglio come sarà disposta la formazione:

(4-2-3-1): Tatarusanu; Sapunaru, Chiriches, Grigore, Rat; Hoban, Pintilii; Popa, Stancu, Stanciu; Andone.

L'articolo prosegue subito dopo


Si preannuncia un grande match che darà la possibilità di cominciare a delineare anche possibili pretendenti al titolo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*