Sequestrati a Milano migliaia di braccialetti per bambini, risulterebbero cancerogeni COMMENTA  

Sequestrati a Milano migliaia di braccialetti per bambini, risulterebbero cancerogeni COMMENTA  

braccialetti-colorati-300x225

La polizia locale di Milano ha proceduto al sequestro di circa venti milioni di elastici colorati utilizzati per costruire braccialetti per bambini. Secondo i dati diffusi da un’agenzia britannica che li ha analizzati, gli elastici risultano tossici e, in caso di reazione con il sudore della pelle, potenzialmente cancerogeni. E’ il secondo sequestro che avviene in Europa per articoli di questo tipo, sono state denunciate tre donne cinesi che pagheranno una sanzione  di circa 40 mila euro ognuna. Il valore dei prodotti sequestrati si aggira sui tre milioni di euro.

Leggi anche: Idee tagli capelli bambino


Le confezioni poste sotto sequestro erano sprovviste di marchio CE e non conformi ai requisiti di sicurezza che la legge prescrive. L’azienda che produce gli elastici Shokky Bandz Loom (venduti soprattutto nelle edicole), sequestrati ha dichiarato di non sentirsi coinvolta nella vicenda, in quanto i materiali sono stati testati e certificati, quindi non contengono sostanze pericolose come invece si ritiene.

Leggi anche

attentato-terroristico-istanbul
Esteri

Attentato terroristico a Istanbul: autobomba vicino allo stadio, 13 morti

Ore di terrore a Istanbul per un attentato terroristico avvenuto vicino allo stadio della squadra di calcio Besiktas. Un'esplosione devastante, visibile a chilometri di distanza, quella provocata da un'autobomba diretta contro un bus di poliziotti anti-sommossa, che ha ucciso almeno 13 persone, ferendone a decine; si tratta di un bilancio ancora provvisorio che potrebbe peggiorare nelle prossime ore. Tutto è accaduto dopo la conclusione del match della massima divisione turca tra il Besiktas e il Bursarpor. Mentre i giornalisti erano impegnati nei commenti e nelle interviste del dopo partita si è sentita una fortissima esplosione, catturata anche in diretta tv. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*