Sorrentino al festival di venezia 2016: The Young Pope serie tv COMMENTA  

Sorrentino al festival di venezia 2016: The Young Pope serie tv COMMENTA  

sorrentino

The Young Pope la nuova opera di Sorrentino che parla di un Papa narciso e di tutte le contraddizioni della Chiesa.

Alla 73° Mostra del cinema di Venezia è stata presentata la nuova creazione dell’acclamato regista nostrano, Paolo Sorrentino.

Leggi anche: Esordi cinematografici eccellenti: da Jude Law a Meryl Streep

Questa volta Sorrentino si butta però in una nuova esperienza: una serie tv. Con The Young Pope anche Paolo accede al popolare mondo della serializzazione.

Leggi anche: Jude Law a The Floating Piers, l’attore sulla passerella d’oro

L’opera ha come protagonista principale l’attore britannico Jude Law che interpreta il ruolo di un Papa narciso e senza scrupoli, disposto a tutto per il potere.

“Io sono la contraddizione, come Dio uno e trino, la Madonna, vergine e madre, l’uomo, buono e cattivo” queste le prime battute del telefilm in cui subito si intuisce la tendenza adottata da Sorrentino.

L'articolo prosegue subito dopo

Continua quindi a mostrare la goliardia e gli atteggiamenti più meschinamente umani anche in un ambiente “sacro”, restando in linea con il suo film da oscar, La grande bellezza. “Ho mostrato un papa diametralmente all’opposto da quello attuale perché potrebbe accadere che ne venga eletto uno così. Dopo un papa più liberale è probabile che ne arrivi uno con idee diverse”, così ha affermato il regista durante un’intervista. Per poi difendersi: “Non è un problema mio se il Vaticano si arrabbierà o meno guardando The Young Pope. Io ho voluto affrontare con curiosità e onestà, senza pregiudizi o sterili provocazioni le contraddizioni, le difficoltà e le cose che mi affascinano del clero, dei preti, delle suore e di uno di loro un po’ più diverso dagli altri che è il papa”

Leggi anche

Austria: Van der Bellen è il nuovo presidente. La sconfitta dell'estrema destra
Attualità

Austria: Van der Bellen è il nuovo presidente. La sconfitta dell’estrema destra

 A cento anni  dalla morte dell'imperatore più amato, Francesco Giuseppe, l'Austria si riscopre epicentro di un destino europeo. Anche le elezioni presidenziali di oggi potrebbero segnare la fine di un mondo, di un  " mondo di ieri" come avrebbe detto Stefan Zweig, quello dei partiti tradizionali, quello del liberalismo democratico e quello del solido europeismo austriaco. La sfida è tra il candidato di quel mondo, Alexander Van der Bellen, e il rappresentante del populismo nazionalista, Norbert Hofer, esponente di un partito, la Fpoe, schizzato alle stelle in tutti i sondaggi cavalcando gli istinti più bassi provocati dalla crisi dei profughi del 2015. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*