Turchia, amnistia per 38 mila detenuti

Esteri

Turchia, amnistia per 38 mila detenuti

turchia diritti umani

La Turchia ha varato un decreto svuota carceri. 38 mila detenuti abbandoneranno le prigioni, un “rilascio condizionato”, secondo il ministro Bozdag.

Saranno 38 mila i detenuti che, nei prossimi giorni, lasceranno le carceri della Turchia. Si tratta di un decreto voluto dal governo nella situazione di stato di emergenza conseguente al tentato colpo di stato dello scorso 15 luglio. Secondo il ministro della Giustizia Bekir Bozdag non si può parlare di una vera e propria amnistia, ma di un rilascio condizionato. Fra i beneficiari, hanno sottolineato da Ankara, non ci saranno i colpevoli di reati sessuali o contro lo Stato, i colpevoli di omicidio e di violenza domestica.

Secondo i media locali, la misura voluta dal governo sarebbe la conseguenza della necessità di fare spazio alle oltre 35 mila persone arrestate a seguito del tentato golpe di luglio (non risultano in effetti fra i beneficiari della misura tutti coloro i quali hanno commesso reati dopo l’1 luglio). Fra le persone fermate ci sono anche giudici e giornalisti, oltre a diversi esponenti dell’esercito.

1 Commento su Turchia, amnistia per 38 mila detenuti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche