Uan studentessa è accusata di aver avvelenato la compagna di stanza COMMENTA  

Uan studentessa è accusata di aver avvelenato la compagna di stanza COMMENTA  

Una studentessa del college del Michigan ha ammesso di aver avvelenato la sua compagna di stanza con della candeggina, secondo una dichiarazione ottenuta dalla ABCnews.


Kayla Ashlyn Bokowsky, che frequenta l’università del Michigan è accusata di aver messo della candeggina nel tè freddo della sua compagna di stanza, dopo che le due avvevano litigato lo scorso mese in seguito ai piatti sporchi, ha raccontato la polizia in un comunicato. La compagna di stanza, Emily Joseph,20 anni ha compilato una lamentela contro la Bokowski, di anni 19.


In seguito all’incidente, Joseph ha ricevuto dei trattamenti medici ed è stata dimessa. La Bonkowsky è  stata arrestata, attesa a rinvio e dovrà rispondere delle accuse, il 10 dicembre.


La sentenza potrebbe farle passare i prossimi 15 anni in prigione.

Secono la dichiarazione, la Bokowski ha ammesso “verbalmente di aver messo dellla candeggina nel tè freddo della compagna” perché Joseph è “meschina”. Bokowski ha comunicato che “sapeva che la candeggina nel tè era una cosa grave”.

Steven Smith, il portavoce dell’università, ha ammesso che loro stanno cercando maggiori informazioni su quanto successo.

L'articolo prosegue subito dopo


“CMU è consapevole di quanto accaduto e sta attendendo maggiori informazioni dalla polizia che sta conducendo le indagini”, ha comunicato l’università. “L’università continua a raccogliere informazioni e seguirà i procedimenti degli studenti in questa condotta”.

L’ufficio della Contea di Isabelle e l’ufficio dello sceriffo hanno evitato di commentare riguardo il caso.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*