Unabomber si rifà vivo a Mestre: questa volta voleva uccidere

Cronaca

Unabomber si rifà vivo a Mestre: questa volta voleva uccidere

Mestre (Venezia) – Il Veneto ripiomba nell’incubo Unabomber. Un’rdigno esplosivo, artigianale, è stato rinvenuto all’interno di un cestino per i rifiuti, nel “Bosco di Mestre”. Un luogo molto frequentato da sportivi e genitori con bambini. A notare l’oggetto, di forma cilindrica, in sostanza una “pipe bomb” è stato un netturbino della Veritas. L’uomo, saggiamente, non ha toccato l’oggetto e ha avvertito un responsabile della Veritas che a sua volta ha informato la polizia. Sul posto sono giunti gli artificieri. Gli esperti hanno confermato i sospetti, si trattava di un ordigno esplosivo. Questa volta Unabomber, ma potrebbe anche trattarsi di un emulatore, ha tentato il salto di qualità: l’ordigno avrebbe potuto uccidere. A portare avanti le indagini sono la Squadra mobile, guidata dal dirigente Marco Odorisio, e la Digos, coordinata da Ezio Gaetano. In queste ore gli agenti stanno visionando alcune riprese video catturate dalle telecamere in zona.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Woodcock
Attualità

Consip: Procura di Roma indaga pm Woodcock

28 giugno 2017 di Ilaria Ferrario

La Procura di Roma ha accusato il pm di Napoli Henry John Woodcock di violazione di segreto d’ufficio, in ambito dell’inchiesta Consip. Coinvolta nel caso anche la giornalista e conduttrice Federica Sciarelli.