Videogiochi per bambini

Guide

Videogiochi per bambini

videogiochi per bambini

Videogiochi per bambini: sono un bene o un male?

I videogiochi sono spesso disapprovati dai genitori. Vengono indicati come perdite di tempo, addirittura alcuni esperti di educazione ritengono che i videogiochi danneggino il cervello dei bambini.
I videogiochi violenti sono facilmente accusati dai media e esperti di education come il motivo per cui alcuni giovani diventano violenti o perpetrano comportamenti anti-sociali.

Ma sono in molti tra scienziati e psicologi a ritenere che i videogiochi possano effettivamente avere molti benefici. Secondo diversi studi si è dimostrato che i videogiochi possono effettivamente insegnare ai bambini la flessibilità cognitiva, una pietra miliare dell’intelligenza umana. Requisiti fondamentali per il problem solving creativo e il “thinking outside the box” [pensare fuori dagli schemi].

I videogiochi cambiano la struttura fisica del cervello allo stesso modo in cui accade quando si impara a leggere, suonare il pianoforte, o quando si impara a utilizzare una mappa. Proprio nello stesso modo in cui l’esercizio fisico può costruire il muscolo, anche la potente combinazione di concentrazione e picchi gratificanti di neurotrasmettitori come la dopamina rafforzano i circuiti neurali che de facto contribuiscono a costruire il cervello.

Gli effetti positivi e negativi dei videogiochi, secondo i ricercatori e gli esperti del settore educativo

Videogiochi per bambini: effetti positivi

  1. Seguire le istruzioni, memoria, concentrazione
  2. Problem solving e logica
  3. Coordinazione occhio-mano, capacità motorie e abilità spaziali.
  4. Progettazione, gestione delle risorse e logistica
  5. Multitasking, ovvero il monitoraggio simultaneo di più variabili e la gestione di obiettivi multipli.
  6. Rapidità di pensiero, rapidità di analisi e decisionale.
  7. Sviluppo di skills matematiche e umanistiche
  8. Perseveranza, consapevolezza.

    Imparare a gestire nuove sfide e frustrazioni

  9. Il ragionamento induttivo e imparare a verificare le ipotesi
  10. Miglioramento dell capacità di riconoscere rapidamente e con precisione le informazioni visive

Videogiochi per bambini: effetti negativi

La maggior parte degli effetti negativi dei videogiochi riguardano i contenuti violenti.
I bambini che giocano i videogiochi più violenti hanno maggiori probabilità accrescere comportamenti, pensieri aggressivi, secondo alcuni studi.
Ad ogni modo tablet, smartphone e console per i videogiochi sono fondamentali per una crescita in armonia con la scoperta delle nuove tecnologie.
Secondo recenti ricerche infatti (dati dell’Associazione editori di software) quasi il 100% dei bambini italiani utilizza i videogiochi.

Tante e diverse tipologie di videogiochi per bambini

Ci sono diverse tipologie di videogiochi adatti a bambini di tutte le età
Esistono videogiochi per bambini da installare sui computer, videogiochi esclusivamente dedicati alle consolle, videogiochi da scaricare, videogiochi con cui è possibile giocare solo on-line.
Ancora i videogiochi possono essere individuali o da condividere, per i più piccoli, i più grandi e anche per gli adulti, videogiochi d’azione, strategia, ruolo, educativi, con protagonisti violenti o teneri.

L’importante per il genitore, ma anche per la sicurezza dei bambini è che il gioco abbia la certificazione Pegi (Informazione Paneuropea sui Giochi) che informa sull’età di utilizzo e sul contenuto.
Forse l’intervento più “furbo” che possa fare il genitore è proprio aiutare il bambino affinché sia in grado di operare le sue scelte, con consapevolezza e avendo una gamma ampia di possibilità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*