> > "63mila disoccupati in più nel 2023": Confartigianato lancia l'allarme

"63mila disoccupati in più nel 2023": Confartigianato lancia l'allarme

Confartigianato disoccupati 2023

Previsioni non buone arrivano da Confartigianato. L'ente di categoria ha dichiarato che potrebbero essere 63mila i disoccupati nel prossimo anno.

In vista del 2023 per l’Italia potrebbero esserci delle notizie non positive.

Il fondo monetario internazionale aveva infatti già previsto una recessione in vista del nuovo anno, ma potrebbe non finire qui. La Confartigianato ha infatti lanciato un allarme prevedendo che il prossimo anno potrebbero essere circa 63mila i disoccupati in più. Si tratta di un dato che potrebbe rischiare di mettere in ginocchio il Centro-Sud. 

Confartigianato, “Circa 63mila disoccupati in più nel 2023”

Stando a quanto emerge dall’analisi dell’Ufficio studi di Confartigianato, partita dai dati di Istat e dalle previsioni di Prometeia, le maggiori criticità si registreranno nella Capitale, ma anche in centri come Messina, Siracusa e Catania o ancora Bari, Napoli e Caserta.

Oltre a ciò bisognerà tenere conto la stima della disoccupazione raggiungerà quota 8,4%, mentre sarà proprio nel Centro-Sud che potremo assistere ad un aumento del +58% rispetto al totale rilevato in Italia. 

Previsioni non buone anche per Torino 

C’è però anche un altro dato ha attirato l’attenzione. Tra le 10 province italiane che potrebbero essere interessate in misura maggiore dall’aumento della disoccupazione c’è anche Torino che è anche l’unica città della lista situata al Nord.

Qui le persone che potrebbero rimanere senza lavoro sarebbero circa 2mila in più.