Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Barbiere si stende accanto a bambino autistico per finire il taglio di capelli
Esteri

Barbiere si stende accanto a bambino autistico per finire il taglio di capelli

barbiere
Barbiere si stende accanto a bambino autistico per finire il taglio di capelli

Quebec, il bambino è autistico, il barbiere, grande e grosso, si sdraia accanto a lui per finire il taglio.

Lui è un uomo grande e grosso e fa il barbiere, lui è un bambino. Autistico. Questa è la storia di Franz Jakob, che vive e lavora a Rouyn-Noranda, in Quebec, e di Wyatt Lafraniere, 7 anni. È una storia raccontata con uno scatto fotografico, con un’immagine mostrata a tutti, tramite Facebook.

Franz, il barbiere, ha mostrato al mondo, con un gesto che potrebbe apparire semplice ma che non lo è affatto, la sua grande umanità, la bellezza di sapersi abbassare, quando serve, per arrivare a qualcuno più piccolo, o che semplicemene proprio non ce la fa, non riesce ad alzarsi, o forse non pensa che serva.

È una storia bella, commovente e tenera, che è stata raccontata dalla madre del piccolo Wyatt. La donna, infatti, ha portato il suo bambino a tagliarsi i capelli ma lui, chiuso nel suo mondo, si è steso sul pavimento e non ha mostrato il minimo interesse nel sedersi, come chiunque avrebbe fatto, per permettere al barbiere di fare il suo lavoro.

barbiere

Il barbiere Franz

La donna, colpita da un comportamento che evidentemente non è solita riscontrare nei confronti di suo figlio, ha voluto raccontare la sua storia, quella del barbiere Franz e del piccolo Wyatt, con una foto.

Che vale, come è facile immaginare, più di mille parole. Nonostante questo, però, dopo aver condiviso l’immagine su Facebook, l’ha corredata di una breve spiegazione:

“Il mio barbiere Franz Jakob di rouyn-Noranda che si adatta alla sua clientela e che taglia i capelli a quel bambino autistico che non ama sedersi sulla sedia. Che bello! (credito, Fauve Lafrenière la madre di Wyatt).”.

Un gesto affettuoso quello di mamma Fauve, bellissimo quello di Franz che, a sua volta, ha commentato così il suo comportamento: “È un servizio dovuto ai miei clienti, non faccio alcuna distinzione. Taglio i capelli anche a malati terminali. Mi chiedono di donargli un bell’aspetto per l’ultima volta, perché presto moriranno”.

Parole semplici, dirette e molto belle, sono quelle che ha utilizzato il barbiere rispondendo ad alcune domande durante un’intervita rilasciata a una tv locale. E, ancora: “Per tagliare i capelli a un bambino autistico, ci vogliono dai 60 ai 70 minuti”, ha spiegato Franz.

L’autismo

L’autismo è un disturbo del neurosviluppo caratterizzato dalla compromissione dell’interazione sociale e da deficit della comunicazione verbale e non verbale che provoca ristrettezza d’interessi e comportamenti ripetitivi.

I genitori di solito notano i primi segni entro i due anni di vita del bambino e la diagnosi certa spesso può essere fatta entro i trenta mesi di vita. Attualmente risultano ancora sconosciute le cause di tale manifestazione, divise tra cause neurobiologiche costituzionali e psicoambientali acquisite.

Più precisamente, data la varietà di sintomatologie e la complessità nel fornirne una definizione clinica coerente e unitaria, è recentemente invalso l’uso di parlare più correttamente di Disturbi dello Spettro Autistico (DSA o, in inglese, ASD, Autistic Spectrum Disorders), comprendendo tutta una serie di patologie o sindromi aventi come denominatore comune le suddette caratteristiche comportamentali, sebbene a vari gradi o livelli di intensità.

L’autismo è un disordine dello sviluppo neurologico altamente variabile che inizialmente appare durante l’infanzia e in genere segue un percorso costante senza che vi sia una remissione. Gli individui autistici possono avere alcuni aspetti della propria vita gravemente compromessi, ma altri possono essere normali o addirittura migliori.

I sintomi iniziano lentamente a manifestarsi a partire dall’età di sei mesi, fino ad essere più espliciti dall’età di due o tre anni, e continuando ad aumentare fino all’età adulta, anche se spesso in una forma meno evidente.

La condizione si distingue non da un singolo sintomo, ma da una triade di sintomi caratteristici: deficit nell’interazione sociale, deficit nella comunicazione, interessi e comportamenti limitati e ripetitivi.

Altri aspetti, come una alimentazione atipica, sono anch’essi comuni, ma non sono essenziali per la diagnosi. I singoli sintomi dell’autismo si possono riscontrare nella popolazione in generale ma perché si possa parlare di patologia è necessario distinguere la situazione per gravità.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche