> > Caraibi, precipita un aereo: disperso Rainer Schaller, proprietario delle pal...

Caraibi, precipita un aereo: disperso Rainer Schaller, proprietario delle palestre McFit

Rainer Schaller

Incidente aereo nel Mar dei Caraibi. Un aereo è precipitato e il magnate Rainer Schaller, proprietario delle palestre McFit, risulta disperso.

Terribile incidente aereo nel Mar dei Caraibi.

Un velivolo da turismo è precipitato, per cause ancora da accertare. A bordo era presente il magnate Rainer Schaller, proprietario delle palestre McFit, che al momento risulta disperso. Con lui anche la moglie e i figli. Secondo alcune fonti non ci sarebbero sopravvissuti.

Caraibi, precipita un aereo: disperso Rainer Schaller, proprietario delle palestre McFit

Nelle scorse ore, nel Mar dei Caraibi, è precipitato un aereo da turismo, al largo della Costa Rica.

A bordo del velivolo era presente il magnate tedesco Rainer Schaller, proprietario e fondatore delle palestre McFit e Gold’s Gym International. Insieme a lui erano presenti altre sei persone, tra cui la moglie e i figli. Per il momento tutti risultano dispersi e secondo alcune fonti sembrerebbe che non ci siano sopravvissuti. Per il momento è stato rivelato che sono stati recuperati due corpi, tra cui quello di un bambino.

Sulle indagini vige il massimo riserbo e per il momento i dettagli di quanto accaduto sono pochi.

Aereo precipita ai Caraibi: la prima ricostruzione

Secondo la prima ricostruzione, l’incidente si sarebbe verificato venerdì 21 ottobre. Nella notte, la torre di controllo dell’aerea dell’aeroporto di Barra de Parismina aveva perso il contatto con il piccolo aereo da turismo, partito dallo stato del Chiapas, in Messico, e diretto a Limon, in Costa Rica, facendo scattare l’allarme.

Insieme a Schaller, 53 anni, erano presenti anche la sua compagna, Christiane Schikorsky, di 44 anni, i due figli minori, un passeggero 40enne, e il pilota svizzero di 66 anni. Il magnate ha fondato la catena di centri fitness McFit nel 1996 ed è diventato famoso per aver organizzato la manifestazione LoveParade a Duisburg, in Germania, finita nella polemica nel 2010, dopo che 21 persone sono morte e 652 sono state ferite nella calca.