×

Centrale nucleare di Zaporizhzhia, cosa accadrebbe se venisse colpita? La mappa della nube radioattiva

L’Istituto idrometeorologico ucraino ha rivelato come si espanderebbe la nube radioattiva in Ue con l’attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia.

centrale nucleare di zaporizia

Cosa accadrebbe se la centrale nucleare di Zaporizhzhia venisse bombardata? Uno studio dell’Istituto idrometeorologico ucraino ha rivelato in che modo si espanderebbe la nube radioattiva in caso di attacco.

Centrale nucleare di Zaporizhzhia, cosa accadrebbe se venisse colpita?

In caso di attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa situata nella parte meridionale dell’Ucraina, la nuvola radioattiva impiegherebbe tre giorni prima di raggiungere l’Austria.

Nel frattempo, avrebbe attraversato 13 Paesi dell’Ue. La previsione è stata pubblicata dall’Istituto idrometeorologico ucraino che ha tratteggiato il quadro in caso di possibile incidente nucleare presso il sito assediato dai russi. Al momento, la tensione nella regione è estremamente elevata a causa del conflitto russo-ucraino e si teme che presto possa verificarsi un attaccomirato.

La preoccupazione nutrita a livello europeo e internazionale è emersa nel corso della telefonata tra Emmanuel Macron e Vladimir Putin di venerdì 19 agosto.

In questa circostanza il presidente russo ha ribadito che i bombardamenti nella zona di Zaporizhzhia hanno rischiato di dare origine a una “catastrofe su larga scala che potrebbe portare alla contaminazione da radiazioni di vasti territori a causa dei bombardamenti operati dalle forze ucraine”. Raid missilistici che l’esercito di Kiev nega di aver compiuto. Le potenze occidentali, infatti, temono che mosca stia lavorando a un’operazione sotto falsa bandiera attaccando la centrale nucleare e dando poi la colpa all’Ucraina.

Al termine del colloquio, Putin ha acconsentito a procedere con una missione di controllo dell’Aeia.

La mappa della nube radioattiva in Ue

In merito a un possibile attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, l’Istituto idrometeorologico ucraino ha condiviso una mappa con la simulazione della nuvola “radioattiva” che si potrebbe originare. Le radiazioni potrebbero viaggiare per centinaia di chilometri, inondando Ucraina, Bielorussia, Moldova, Lituania, Lettonia, Estonia, Polonia, Romania, Serbia, Ungheria, Slovacchia, Repubblica Ceca e Russia.

La previsione è stata confermata anche dal Ministero della Difesa russo. Intanto, il Cremlino ha rivelato che il sistema di backup dell’impianto è stato danneggiato.

Contents.media
Ultima ora