> > Chi è Guido Crosetto, il ministro della Difesa del governo Meloni

Chi è Guido Crosetto, il ministro della Difesa del governo Meloni

Guido Corsetto

Guido Crosetto, tra i fondatori di Fratelli d'Italia, ha fatto tanta gavetta. Scopriamo chi è il nuovo ministro della Difesa.

Guido Crosetto sarò il ministro della Difesa nella 19esima legislatura.

Il gigante buono del centrodestra ha molta esperienza politica dato che il suo primo incarico l’ha ricevuto 32 anni fa. Scopriamo chi è il nuovo ministro.

Chi è Guido Crosetto, il ministro della Difesa del governo Meloni

Guido Crosetto è nato a Cuneo il 19 settembre 1963, ha 59 anni ed è un dirigente d’azienda.

Non ha mai militato in partiti o movimenti post fascisti ma ha sempre aderito, dalla gioventù, alla Democrazia Cristiana. Il suo primo incarico politico è stato quello di Sindaco del comune di Marene, in provincia di Cuneo. Quel ruolo lo ha svolto per 14 anni a partire dal 1990. Oltre alla politica, Crosetto si è formato nella sua azienda di famiglia. Grazie alle sue competenze è arrivato anche ad essere presidente dell’Aiad, la federazione che rappresenta la aziende italiane nei settori aerospazio, difesa e sicurezza.

Dagli inizi al ministro della Difesa: la carriera politica di Crosetto

Da Cuneo a Roma il passo è breve ed ha richiesto tanta gavetta. Nel 2000, Guido Crosetto si unisce a Forza Italia diventanto coordinatore regionale del Piemonte. L’anno dopo, ottenuta la fiducia dei vertici del partito e dei suoi elettori, Crosetto entra in Parlamento, alla Camera dei Deputati. La sua avventura dura molti anni e comprende anche l’incarico di sottosegretario alla Difesa.

Poi abbandona Cavaliere e fonda insieme a Giorgia Meloni ed Ignazio La Russa Fratelli d’Italia. I primi anni non vanno bene per il partito e Crosetto lascia la politica tornano a fare il dirigente d’azienda. Solo del 2018 decide di accettare l’incarico di coordinatore del partito, tornando anche alla Camera. L’esperienza dura solo un anno. Crosetto però non riesce a stare lontano dalla politica e, dopo la chiamata di Meloni, ha accettato di correre alle elezioni diventando oggi ministro della Difesa.