> > Condannato all'ergastolo per il furto di 14 dollari in moneta: esce dal carce...

Condannato all'ergastolo per il furto di 14 dollari in moneta: esce dal carcere dopo 20 anni

Carcere

David Coulson era stato condannato all'ergastolo per il furto di 14 dollari. Dopo 20 anni di carcere è finalmente libero.

David Coulson è uscito dal carcere dopo 20 anni di reclusione.

L’uomo, che ora ha 55 anni, era stato condannato all’ergastolo per aver rubanto 14 euro in monete.

Condannato all’ergastolo per il furto di 14 dollari in moneta: esce dal carcere dopo 20 anni

David Coulson era stato condannato all’ergastolo per aver rubato 14 dollari in moneta da un barattolo in un garage. Dopo aver trascorso 20 anni in carcere, l’uomo, che oggi ha 55 anni, ha riabbracciato finalmente la sua famiglia e ha conosciuto i suoi nipoti.

David nel 2002 viveva per strada a Long Beach, in California, aveva problemi di tossicodipendenza e disagi mentali derivati dagli abusi subiti da bambino. La sua fedina penale era priva di crimini violenti. Il giudice aveva deciso per una pena spropositata, limitando la richiesta di libertà dopo aver scontato almeno 35 anni di carcere. L’uomo era stato arrestato sulla base delle leggi più estreme sulla criminalità negli Stati Uniti, che mirava ad imprigionare a tempo indeterminato i delinquenti ritenuti abituali. 

L’uomo non ha mai perso la fiducia nella giustizia e la speranza di tornare libero.

Ha incontrato un magistrato che ha esaminato il suo caso e dichiarato la pena “un’offesa alle nozioni fondamentali della dignità umana“. L’uomo è stato rilasciato, ma secondo gli esperti ci sarebbero migliaia di persone imprigionate dopo una norma degli anni Novanta, che stabiliva l’ergastolo per tutti i reati se l’imputato era stato precedentemente condannato per due reati.

La vita di David Coulson

La madre di David Coulson lo ha messo al mondo quando aveva solo 16 anni e dopo 4 anni è stato dato in adozione perché la giovane mamma era tossicodipendente.

Da bambino è stato adottato da un giardiniere ed è cresciuto insieme a sei fratelli maggiori, ma per tutta l’infanzia è stato perseguitato da quell’abbandono ed è stato anche abusato sessualmente. I suoi genitori lo hanno portato da uno psichiatra a causa di allucinazioni e autolesionismo, ma alla fine il trattamento è stato interrotto e il ragazzo ha iniziato a sfogare la sofferenza nell’alcol e nella droga. In seguito ha avuto due figli, ma è entrato ed uscito dal carcere per piccoli reati, prima dell’ergastolo.