> > Covid, la circolare del Ministero della Salute: ipotesi mascherine al chiuso ...

Covid, la circolare del Ministero della Salute: ipotesi mascherine al chiuso se i contagi salgono

Covid mascherine

Covid: probabile ritorno delle mascherine al chiuso se i contagi salgono, cosa dice la circolare del Ministero della Salute

Nuova circolare del Ministero della Salute riguardante il Covid, secondo i funzionari del ministero l’ondata estiva potrebbe peggiorare con l’arrivo dell’inverno: al via nuove probabili misure di prevenzione.

Questa potrebbe essere l’ultima circolare di Roberto Speranza.

Secondo la circolare, si potrebbe tornare a rendere obbligatorio l’uso della mascherine nei luoghi chiusi se ci fosse un “grave impatto clinico e/o sull’assistenza e/o sul funzionamento dei servizi essenziali”.

Covid, mascherine al chiuso e smart working per contrastarlo

Oltre al ripristino dell’obbligo della mascherina al chiuso il ministero della Salute suggerisce anche il lavoro da remoto come aiuto extra per contrastare un innalzamento dei casi.

Nella circolare si legge che “si potrà valutare l’adozione temporanea di altre misure, come il lavoro da casa o la limitazione delle dimensioni degli eventi che prevedono assembramenti”.

Inoltre, per il ministero: “diversi fattori contribuiscono a rendere incerte l’evoluzione epidemiologica e le ricadute sul sistema sanitario in termini di domanda di assistenza”.

Il timore per le nuove varianti

Il Ministero della Salute è preoccupato anche per l’arrivo di nuove varianti più aggressive con la stagione fredda: “Sebbene l’evoluzione della pandemia sia allo stato attuale imprevedibile il nostro Paese deve prepararsi, per il terzo anno consecutivo, ad affrontare un autunno e un inverno in cui si potrebbe osservare un aumentato impatto assistenziale attribuibile a diverse malattie respiratorie acute“.

Per questo motivo è indispensabile “evitare la congestione delle strutture sanitarie limitando l’incidenza di malattia grave, proteggendo soprattutto le persone più fragili e influendo sui fattori modificabili per cui i sistemi sanitari e la società devono continuare ad adattare la loro risposta all’andamento epidemico del Sars-Cov-2”.

La campagna vaccinale

Nel frattempo continua la campagna vaccinale che viene menzionata nella nuova circolare: “Nella stagione autunno-inverno 2022-2023 l’obiettivo della campagna vaccinale sarà quello di continuare a mettere in sicurezza prioritariamente gli anziani e fragili, proteggendoli dalla malattia grave a dalla ospedalizzazione”. Sarà prioritario continuare con la campagna vaccinale colmando le lacune nella copertura del ciclo primario e dei booster raccomandati.

Infine, sarà necessario ristabilire regole per il tracciamento della malattia con la ricerca dei contatti e la quarantena per le persone a rischio di malattia grave e nei luoghi dove la protezione è fondamentale.