×

Covid, quali sono i motivi che hanno portato l’India alla crisi sanitaria?

Dai 10.000 contagi al giorno di inizio febbraio ai 400.000 di oggi: cosa ha determinato questo impressionante incremento dei casi covid in India?

covid India

Cosa ha determinato l’impressionante incremento dei contagi Covid che sta mettendo in ginocchio il sistema sanitario delll’India? La variante indiana è stata l’unica causa di questa tragedia? Secondo gli esperti i motivi sono molteplici

India, dal crollo dei contagi covid a 400mila casi

Di fronte alle strazianti immagini che provengono dall’India, tutti si sono chiesti il motivo di questa terribile situazione che sta mettendo in ginocchio il sistema sanitario.

Soltanto pochi mesi fa infatti, dopo il picco dei contagi raggiunto a settembre 2020 –  la situazione non solo era totalmente sotto controllo ma si pensava addirittura che in alcune zone dell’India si fosse raggiunta l’immunità di gregge. I numeri infatti – a febbraio si era arrivati a 10.000 contagi al giorno– lasciavano addirittura lecito pensare che il peggio fosse ormai alle spalle.

Picco dei contagi covid in India non ancora raggiunto?

Purtroppo non era così, anzi, semmai era l’esatto opposto dato che secondo alcuni esperti, gli impressionanti numeri registrati i in India, sarebbero destinati addirittura a salire nei prossimi giorni, fino a quando sarà raggiunto il picco dei contagi. Inoltre, in molti pensano che i numeri siano sottostimati e che nelle zone più povere del paese milioni di persone si siano infettate senza aver ancora ricevuto una diagnosi .

Motivo dell’incremento dei contagi covid in India

Ma cosa ha determinato questa situazione?

Variante indiana non sarebbe l’unica causa

Da quanto affermano alcuni esperti nel corso di varie interviste, i motivi sono molteplici. Pertanto la cosiddetta variante indiana non sarebbe – il condizionale è d’obbligo perchè ci si trova ancora in una fase di sole ipotesi – l’unica causa dell’impressionante incremento dei contagi degli ultimi mesi.

I raduni degli ultimi mesi

Probabilmente è stato proprio l’ottimismo generato dai numeri incoraggianti di inizio febbraio a far abbassare la guardia nel paese. Come riporta il Corriere della Sera, i grandi raduni per la campagna elettorale in cinque Stati di fine febbraio e i milioni di pellegrini che si immergono nel Gange per il Kumbh Mela hanno probabilmente contribuito all’incremento. Soprattutto tra quelle persone che, così come avevano abbassato la guardia di conseguenza avevano abbassato  la mascherina. A questi eventi c’è poi da aggiungere  il fattore della variante indiana e della sua presunta maggiore contagiosità, anche se non è ancora nota la sua incidenza nel paese.   

Classe 1971, nata a Roma, lavora come inviata e redattrice presso ArtsLife.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Vera Monti

Classe 1971, nata a Roma, lavora come inviata e redattrice presso ArtsLife.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora